Ex Sant’Anna, fermo il progetto di vendita ai privati
Cronaca, Sanità, Territorio

Ex Sant’Anna, fermo il progetto di vendita ai privati

Il piano di vendita della parte del vecchio Sant’Anna destinata ai privati è fermo. Oltre sette mesi dopo la prima asta, andata deserta, non ci sono certezze su un eventuale nuovo tentativo di alienazione oppure su ipotesi alternative per rilanciare il comparto.
Una vasta zona di via Napoleona che resta dunque desolatamente vuota e inutilizzata, al punto che, nella parte a ridosso del parco della Spina Verde, dietro l’ex radioterapia, sono arrivati da qualche tempo addirittura i cinghiali. In accordo con la polizia provinciale, è stata posizionata una gabbia apposita per gli ungulati e gli addetti alla vigilanza interna dell’Asst Lariana si occupano anche di controllare l’area boschiva.
Difficile ipotizzare quando si muoverà qualcosa, visto che al fallimento della prima asta non sono seguiti altri passi concreti per la riqualificazione dell’area. La base d’asta era stata fissata in 22 milioni di euro ma non era stata presentata alcuna offerta di acquisto. Da quel momento, fatta eccezione per qualche dichiarazione di intenti, non sono stati fatti altri interventi.
Decisamente diversa la situazione degli edifici destinati a rimanere a uso pubblico. La trasformazione del monoblocco e degli immobili affacciati sulla via Napoleona in una cittadella sanitaria non si è mai fermata. Anzi, l’Asst Lariana auspica che il completamento dei lavori nella parte pubblica possa contribuire a rendere l’intero compendio più appetibile a potenziali investitori.
Nel monoblocco in particolare, si sono susseguiti numerosi cantieri. Attualmente sono in corso i lavori di restyling della facciata principale dell’ex ospedale, oggi poliambulatorio di via Napoleona. L’intervento, per il quale l’azienda socio sanitaria territoriale Lariana ha investito circa 100mila euro, si è reso necessario dopo il distacco, avvenuto un anno fa, di alcuni pezzi di materiali del rivestimento esterno. Per l’esecuzione dei lavori, che dovrebbero essere completati il prossimo mese di ottobre, è stato temporaneamente chiuso l’ingresso principale del padiglione ed è stata spostata la portineria per il ritiro dei referti.
La crescita dell’area destinata alla cittadella sanitaria è confermata dal numero degli utenti, in costante aumento. In un anno, le persone che hanno fatto riferimento a via Napoleona hanno superato quota 250mila, con 800mila prestazioni erogate. Un dato destinato a crescere ancora con l’imminente attivazione di altri servizi e ambulatori.
Anna Campaniello

22 settembre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto