Expo, otto Comuni in rete per promuovere il territorio

Il progetto Brianza Experience

Otto comuni, otto sindaci e otto amministrazioni di diverso colore politico: ecco la task force che ha portato alla realizzazione del progetto “Brianza Experience, la via del saper fare”. Cantù, Carugo, Figino Serenza, Giussano, Lentate sul Seveso, Lissone, Mariano Comense e Meda, ieri hanno firmato un protocollo d’intesa al fine di instaurare una reciproca collaborazione facendo forza su progetti e fini comuni anche in vista dell’Expo che Milano ospiterà nel 2015.
Alla presentazione dell’iniziativa

erano i sindaci e alcuni assessori dei Comuni promotori, tutti concordi sull’importanza e l’unicità di Brianza Experience.
«È un modo per mettere in luce le nostre eccellenze – afferma Luca Definetti, assessore alle Attività economiche di Cantù – e mettere in rete diverse amministrazioni ci permette di affrontare meglio questa sfida. Il progetto è nato per essere tutti protagonisti all’Expo, ma la data di chiusura è fissata per il 2020: abbiamo tante idee e presto saremo affiancati anche da enti pubblici e privati».
Un progetto di rete territoriale, dunque, che prevede l’ideazione e la programmazione di iniziative sinergiche con lo scopo di valorizzare il territorio brianzolo e le sue eccellenze artigianali e imprenditoriali sfruttando anche la grande visibilità che Expo darà alla Lombardia. «Il nome, Brianza Experience – dice Ennio Talarico – nasce dall’esperienza concreta del saper fare che il nostro territorio da sempre esprime attraverso il settore del legno, dell’arredo e del design. Il logo rappresenta una freccia, la direzione da seguire, composta da esagoni di diversi colori a significare le peculiarità e la contiguità di ogni singolo comune promotore; l’unione nella diversità».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.