Export agroalimentare, conto salato per il Lario a causa del Covid

mucche da lattemucche da latte

In Italia 3 imprese agroalimentari su 4 che esportano hanno registrato una diminuzione delle vendite all’estero per effetto di una pioggia di disdette provenienti dai clienti di tutto il mondo a causa della pandemia. Il risultato – evidenzia Coldiretti Como Lecco – è un conto salatissimo per il nostro agroalimentare, dal vino all’ortofrutta, dai formaggi ai salumi. Nel primo trimestre dell’anno, il valore delle esportazioni lombarde verso l’estero ha registrato un’evidente contrazione congiunturale pari al -8,6% (dati Unioncamere) con un livello di poco sotto i 30 miliardi di euro: di fatto, un balzo indietro di un triennio, dato che occorre tornare al 2017 per trovare un valore inferiore. Si tratta dei primi dati disponibili sul commercio con l’estero che comprendono gli effetti economici della pandemia Covid-19. “Per fronteggiare gli effetti della pandemia sull’export – commenta Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como Lecco – va sostenuto a livello nazionale un piano straordinario di internazionalizzazione con la creazione di nuovi canali e una massiccia campagna di comunicazione per le produzioni 100% Made in Italy”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.