Export, il franco sempre più forte mette in difficoltà l’industria

Franco Svizzero

La corsa del franco spaventa l’industria svizzera. Le incertezze economiche e geopolitiche rafforzano la moneta elvetica, vista anche come bene rifugio. Il cambio franco euro al di sotto della soglia psicologica di 1.10 destabilizza l’economia svizzera, che si basa sulle esportazioni. Il problema, però, è che con una moneta interna molto forte le aziende svizzere perdono competitività sul terreno dell’export, perché i prodotti elvetici diventano più costosi per i clienti internazionali. Una situazione analizzata a fondo dal Corriere del Ticino.

Il quotidiano del cantone di lingua italiana parla anche del rischio di delocalizzazione. Per ora si tratta solamente di un rischio, ma se la moneta svizzera dovesse continuare a rafforzarsi, alcune aziende considererebbero la possibilità di spostare altrove la produzione, in un mondo in cui la concorrenza asiatica con costi di produzione più bassi è molto agguerrita. Una difficoltà che potrebbe incidere, di riflesso, anche sull’economia di frontiera italiana. Ogni giorno più di 66mila lavoratori (perlopiù italiani) passano il confine per andare a lavorare in Ticino. Se le aziende rossocrociate soffrono un calo nell’export e riducono i posti di lavoro, il prezzo della crisi viene pagato anche dai frontalieri, che in questi giorni invece beneficiano di stipendi più “pesanti” al cambio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.