Fabian Lavia, chitarra lariana alla Radio Svizzera

Sergio Fabian Lavia

Fantasie di arpeggi che ridefiniscono, ampliandone l’orizzonte, il concetto di “ibrido”, e mettono in connessione l’arte antica della chitarra e il computer costruendo trame ipnotiche che invitano ad ascolti plurimi. Con effetti che rimandano alle sperimentazioni della musica contemporanea e anche a quelle della musica psichedelica, e con atmosfere ora armoniche ora dissonanti, ora placate e meditative ora furibonde e sincopate. Il tutto nasce, con uno sguardo al paesaggio della regione dei laghi che è palpabile sia dall’ondeggiare sinuoso dei fraseggi che dalle opere d’arte che li accompagnano nel supporto multimediale, dalla fantasia di Sergio Fabian Lavia, chitarrista, compositore, performer e sound designer nato a Buenos Aires e di origine italiana, che vive a Menaggio. La sua musica di ricerca, con le caratteristiche ibride suddette, è pubblicata in un nuovo dvd, “Saudalgia – classical guitar & electronics”. Il cofanetto molto lussuoso, completo di partiture anche in versione digitale, invita a un’entusiasmante esperienza estetica. La musica è stata creata originariamente in quadrifonia. Lavia è protagonista da oggi degli incontro musicali alla Rete Due della Radio della Svizzera Italiana nel programma “Juke Box ‘900” a cura di Claudio Farinone, il ciclo si intitola “Attraverso la chitarra”. Domani alle 20 il tema è il Brasile, seguiranno l’Argentina il 3 marzo, “La chitarra e l’elettronica” il 10 marzo e “Fra composizione e improvvisazione” il 24 marzo, sempre alle 20.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.