Facebook vieta i contenuti che negano l’Olocausto

Zuckerberg: 'Sono stato combattuto ma l'antisemitismo aumenta'

(ANSA) – ROMA, 12 OTT – Facebook aggiorna le sue policy sull’incitamento all’odio per vietare qualsiasi contenuto che neghi o distorca l’Olocausto. Lo annuncia la stessa società spiegando che è "un altro passo nell’impegno per combattere l’odio nei servizi". "Se le persone cercano l’Olocausto su Facebook, inizieremo a indirizzarli a fonti autorevoli per ottenere informazioni accurate – sottolinea Mark Zuckerberg -. Sono stato combattuto tra la libertà di espressione e il danno causato dal minimizzare o negare l’orrore dell’Olocausto. Il mio pensiero si è evoluto quando ho visto i dati che mostrano un aumento della violenza antisemita". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.