Fallimento del Football Club Como: sospeso il processo ad Oliver Amela

Oliver Amela

Non c’è più alcuna traccia di Oliver Amela, il braccio destro di lady Essien che comparve sul Lario come una meteora, per salvare quello che era l’Fc Calcio Como, per poi scomparire nel nulla portandosi dietro una accusa di bancarotta messa nero su bianco dalla Procura di Como. Il processo a suo carico – di fronte al giudice Carlo Cecchetti – è stato sospeso in attesa di riuscire a notificargli l’atto che lo invita a presenziare all’udienza. Il fascicolo era nato dal fallimento della società che avrebbe dovuto rilanciare il calcio cittadino e che invece naufragò prima ancora di cominciare. Era l’ottobre del 2017 quando il Tribunale di Como dichiarò il fallimento. Amela, 45enne del Togo residente in Italia, fu l’unico a venire indagato per bancarotta ma da allora di lui non si hanno più notizie.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.