Cronaca

Falsi addetti dell’acqua e veri truffatori. Il Comune mette in guardia i residenti

Lomazzo (l.o.) Suonano il campanello e si presentano come incaricati del Comune per il controllo delle tubature dell’acqua. Succede a Lomazzo, dove da qualche giorno degli strani personaggi si stanno aggirando di casa in casa qualificandosi in questo modo. L’ente pubblico però di questi individui non sa nulla, e tantomeno il Lura Ambiente, la società che gestisce la rete, l’unica per altro autorizzata ad inviare sul territorio i suoi tecnici con tanto di tesserina di riconoscimento. 

«Stando alle segnalazioni che abbiamo ricevuto ci sono due persone che si stanno presentando di casa in casa dicendo che sono incaricati del comune – spiega l’assessore alla cultura Samuele Arrighi – Il Comune non ha incaricato alcuna persona per fare queste verifiche: bisogna fare attenzione». 

Utilizzando un cellulare o a volte una radio questi individui si mettono in contatto con un terzo complice che conferma la criticità delle tubature e per mettere in sicurezza la tubatura chiedono dei soldi, due o trecento euro. «Proprio com’è successo ieri ad un anziano – aggiunge l’assessore di Lomazzo – Un altro invece si è accorto di quanto stava succedendo e ci ha subito chiamati sventando così la truffa».
Polizia locali e carabinieri ne sono già stati informati.

5 Nov 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto