Falso allarme, intervento vero. Arma in pugno in gioielleria

alt Ieri mattina in piazza Volta

(f.bar.) L’allarme è scattato ieri mattina poco prima delle 11. In piazza Volta è arrivata, a tutta velocità, una gazzella dei carabinieri a sirene spiegate.
Dalla macchina è immediatamente sceso un militare che, arma in pugno, ha controllato l’area facendo subito allontanare una scolaresca che stazionava proprio in uno degli angoli della piazza.
Subito dopo altri carabinieri, fatta sgomberare l’area, si sono diretti nel cortile interno dell’Albergo Firenze per verificare una segnalazione

partita dalla gioielleria “Bravetti”. Dopo altri 5 minuti in piazza Volta è giuta un’altra auto dei carabinieri e altri due militari sono subito entrati nel cortile.
Alcuni clienti dell’albergo, di ritorno dallo shopping, sono stati fermati, in attesa che il controllo finisse.
Subito si è formata una piccola folla di curiosi, tenuta ovviamente a debita distanza. E anche dai negozi della piazza, in tanti sono usciti per capire cosa stesse accadendo.
Dopo tutte le verifiche del caso, come appurato dai militari, si è avuta la certezza di essere di fronte a un falso allarme. È infatti stato accertato come l’allarme sia scattato per sbaglio all’interno della gioielleria, in assenza dei responsabili del negozio.
Dopo circa 20 minuti, infatti, una delle persone impiegate nel negozio, di ritorno da una breve assenza, si è accorta del trambusto.
I militari dell’Arma, dopo essersi fatti aprire la gioielleria e aver verificato che dentro fosse tutto a posto, sono rientrati in caserma.

Nella foto:
L’azione di ieri non è passata inosservata

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.