Fauna selvatica, danni per 350mila euro

Troppi cinghiali nel Comasco

La fauna selvatica presenta il conto: 350mila euro di danni e 250 incidenti causati. Numeri che indicano la gravità del problema nelle province di Como e Lecco. Secondo le ultime stime per il 2018 della Coldiretti interprovinciale il conteggio dei danni è salato e molti casi non vengono nemmeno più segnalati dagli imprenditori agricoli, amareggiati e delusi. Ben 250, invece, gli incidenti stradali causati lo scorso anno da animali selvatici nelle due province lariane. E non sta andando meglio nei primi mesi del 2019.
In questi giorni continuano a susseguirsi le segnalazioni, da un capo all’altro delle due province: dalla Val d’Intelvi (dove cervi, cinghiali e caprioli devastano colture e prati a pascolo, pregiudicando in molti casi la raccolta del fieno) a Moltrasio, dove si segnalano distruzioni di muretti a secco.
In molte zone, i due problemi sono sovrapposti: i cinghiali, denuncia Coldiretti, scavano e, rivoltando le zolle, pregiudicano un successivo taglio di fieno di qualità, influendo sulla quantità del foraggio. Laddove i prati si sono salvati dall’invasione dei cinghiali, sono passati i cervi, nutrendosi a dismisura di ciò che servirebbe ad alimentare i bovini: al danno, si aggiunge quindi la beffa di acquistare esternamente il fieno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.