Federico Cattaneo al raduno azzurro: primo passo verso Tokyo 2020

Federico Cattaneo

Chiamata azzurra, con le Olimpiadi di Tokyo nel mirino, per Federico Cattaneo, il velocista rovellaschese portacolori dell’Aeronautica Militare.
L’impostazione della stagione che porterà ai Giochi, le strategie e la preparazione si cominceranno a definire dal prossimo 15 dicembre, con il ritrovo dei velocisti a Formia (Latina) per un raduno di sei giorni, che terminerà sabato 21 dicembre.
Tra gli atleti che sono stati chiamati, oltre al 26enne Federico Cattaneo, anche il primatista italiano dei 100 metri Filippo Tortu e il recordman nazionale dei 400 metri Davide Re.
Nel mirino, come detto, le Olimpiadi di Tokyo. Cattaneo fa parte della staffetta 4×100 che in questo momento ha il pass per il Giappone. Si qualificano, infatti, le migliori 16 squadre e nell’attuale classifica – stabilita con i recenti migliori riscontri cronometrici – gli azzurri sono in decima posizione.
Difficile, per le gerarchie di questa fase e gli attuali valori in campo, che l’Italia possa essere scalzata da sette altre Nazioni. Un margine che consente all’Italia di poter impostare una preparazione mirata, senza ricercare troppi exploit per ottenere il pass. Ma, d’altro canto, il lavoro di preparazione dei tecnici federali comprenderà anche il monitoraggio degli avversari, onde evitare brutte sorprese.
Federico Cattaneo fa parte dell’Élite Club 2020, il gruppo di merito azzurro che mette insieme i migliori uomini e donne dell’atletica leggera italiana. Con il rovellaschese c’è anche la marciatrice Anna Eleonora Giorgi.
Fa parte di Atletica Élite Club 2020 chi, per i risultati ottenuti nel 2018 e nel 2019 e in alcuni casi eccezionali per scelta tecnica, ha i requisiti per primeggiare in campo internazionale.
Giorgi è reduce, nel 2019, da un risultato di altissimo livello, la medaglia di bronzo – l’unica per l’Italia – ai Mondiali di Doha, in Qatar, nella “50 chilometri” di marcia.
Cattaneo (Aeronautica Militare) ha pure partecipato alla rassegna iridata, ottenendo con la staffetta 4×100 il record italiano di sempre, pur senza riuscire ad ottenere la finalissima. La successiva partecipazione ai Mondiali militari in Cina, non è stata fortunata, con un infortunio che l’ha costretto a uno stop forzato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.