Cronaca

Ferisce il cognato all’addome e poi si libera del coltello

Dramma in Brianza
L’aggredito non sarebbe in pericolo di vita. All’origine della lite pare ci fossero motivi economici
Un litigio tra due cognati, forse per motivi economici, è degenerato in brutale aggressione. Uno dei due uomini, un 40enne residente ad Albavilla, ha accoltellato il fratello della moglie, 31 anni, ferendolo gravemente all’addome. Il giovane è stato operato ed è ricoverato all’ospedale di Erba. L’accoltellatore è stato arrestato ed è accusato di lesioni aggravate.
Nel primo pomeriggio di ieri, il 31enne si è presentato a casa della sorella, ad Albavilla, in via Matteotti. Nell’appartamento c’era l’intera famiglia, la donna con il marito e la figlioletta di pochi anni.
Tra i due cognati è nata una discussione, scoppiata sembra per un debito. I due uomini sono scesi nel cortile, davanti all’ingresso della palazzina. Il litigio è rapidamente degenerato e il 40enne ha afferrato un coltello e ha colpito all’addome il fratello della moglie, ferendolo in maniera seria. Poi, rendendosi conto di quello che aveva fatto, si è allontanato a piedi e si è liberato dell’arma, probabilmente buttandola in un punto non molto distante dalla casa.
I vicini, preoccupati per le grida e le richieste di aiuto, hanno chiamato il 112. In via Matteotti sono arrivati i soccorritori del 118 e i carabinieri della caserma di Erba. Il 31enne è stato medicato e trasferito all’ospedale Fatebenefratelli, dove è stato operato e poi ricoverato. Ha riportato ferite gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita. Il 40enne, invece, ha continuato a camminare, vagando senza meta nella zona attorno alla casa. È stato subito fermato dai militari dell’arma sulla via Matteotti. I carabinieri di Erba, dopo aver raccolto le prime dichiarazioni dell’aggressore, hanno cercato il coltello nella zona attorno all’abitazione in cui è avvenuta la lite. Controllati i tombini e i giardini delle case confinanti. Al momento, però, l’arma non è ancora stata trovata. Accompagnato in caserma, il 40enne è stato ascoltato a lungo dai carabinieri per chiarire l’esatta dinamica dell’accaduto. Avrebbe parlato di un debito, senza però chiarire i contorni della situazione. L’aggressore ha inoltre dichiarato di non ricordare esattamente dove abbia buttato il coltello. È stato arrestato con l’accusa di lesioni aggravate e rinchiuso in carcere al Bassone.

Anna Campaniello

Nella foto:
L’abitazione di Albavilla teatro del drammatico litigio, pare causato da motivi economici. Nell’appartamento c’era l’intera famiglia, la donna con il marito e la figlioletta di pochi anni (Fkd)
20 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto