Cronaca

Fiammata improvvisa: muore carbonizzato nell’auto

altTragedia ieri pomeriggio tra Lurago Marinone e Fenegrò: la vittima è un 64enne
È morto carbonizzato all’interno della sua auto. Le fiamme hanno avvolto Vincenzo Dell’Acqua senza lasciargli scampo.
Con ogni probabilità, la causa del terribile rogo è da ricercare in una tanica di benzina trasportata dentro l’abitacolo della vettura e che per cause ancora in corso di accertamento da parte dei carabinieri della stazione di Appiano Gentile, all’improvviso ha preso fuoco.
Una fiammata avrebbe così avvolto la vittima che non avrebbe avuto alcuna possibilità di reagire e di salvarsi.

Il terribile incidente si è verificato nel primo pomeriggio di ieri, intorno alle 14.45, sulla strada provinciale 32, in quel tratto di Novedratese compreso tra i confini dei territori dei comuni di Fenegrò e di Lurago Marinone.
E Vincenzo Dell’Acqua, 64enne padre di famiglia, viveva proprio in quest’ultimo paese.
Stando a quello che è stato possibile ricostruire, ieri pomeriggio l’uomo stava ritornando a casa dopo essere passato dal distributore di benzina sulla Novedratese, a una manciata di metri di distanza dal luogo in cui si è verificato l’incidente.
Con sé, posta sui sedili posteriori della macchina, aveva una tanica di carburante che, con ogni probabilità, aveva riempito poco prima. A quanto pare le fiamme sarebbero scaturite all’improvviso proprio dalla tanica e in pochi attimi si sarebbero propagate a tutto l’abitacolo andando ad avvolgere anche il conducente.
Un’ipotesi, questa, su cui stanno ancora lavorando i carabinieri della caserma di Appiano Gentile, intervenuti per i rilievi del caso.
Ipotesi, si diceva, che diventa sempre più attendibile grazie al fatto che un testimone che viaggiava sulla Novedratese avrebbe visto l’auto della vittima frenare improvvisamente, uscire fuori strada e quindi finire nella scarpata laterale a destra, dopo un volo di un paio di metri.
Una dinamica che pare essere compatibile con la fiammata improvvisa e il tentativo dell’automobilista di fare qualcosa per scappare al rogo. Il testimone, subito intervenuto, non sarebbe però riuscito a estrarre il 64enne dalle fiamme che già l’avevano avvolto senza scampo.
Al loro arrivo i soccorritori – il luogo dell’incidente è stato raggiunto da un’ambulanza della Croce Rossa di Lomazzo – si sono trovati una scena devastante: l’auto completamente avvolta dalle fiamme e il conducente imprigionato nella vettura.
I vigili del fuoco di Appiano Gentile e di Como hanno lavorato a lungo per spegnere l’incendio, ma per l’uomo imprigionato all’interno dell’abitacolo non c’era già più nulla da fare. È morto carbonizzato. Particolarmente lunghe e laboriose le operazioni per il riconoscimento della salma, trasportata all’obitorio del Sant’Anna. L’accaduto è stato immediatamente segnalato al sostituto procuratore di turno in Procura a Como, la dottoressa Alessandra Bellù.

Laura Omodei

Nella foto:
I vigili del fuoco impotenti di fronte all’auto devastata dalle fiamme con all’interno il corpo della vittima (foto Dps)
6 Maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto