Film Commission, Como disponibile a dialogare con Lecco
Cinema, Cultura e spettacoli

Film Commission, Como disponibile a dialogare con Lecco

Casting per 200 comparse, un indotto da 5 milioni di euro, un mese di set nel capoluogo e sulla sponda del lago più amata dai turisti. Il bilancio più che positivo di Murder Mystery dal punto di vista logistico ed economico (nella foto Nassa, il set a Villa Erba di ieri) apre il dibattito sulle potenzialità di Como quale “mecca” del cinema. Martedì scorso  sul nostro giornale la Film Commission lecchese ha auspicato una maggiore sinergia con il capoluogo lariano. «Ben disposti a collaborare» dice Simona Rossotti, assessore al Turismo e alla Cultura della giunta Landriscina. «Palazzo Cernezzi – spiega l’assessore – ha un accordo con la Film commission regionale per dare supporto alle produzioni». Una struttura interna al Comune. Ma non sarebbe il caso di pensare più in grande, visto che Hollywood sul Lario non è una presenza episodica né sporadica? «Abbiamo portato a casa un grande risultato – commenta Rossotti – Si puo sempre crescere e migliorare nel corso degli anni e terremo conto di tutte le valutazioni. Creare sinergie e coordinarsi è l’approccio metodologico che preferiamo. Siamo a disposizione per dialogare con tutti».

Va ricordato che  il comune di Como è stato il primo in Lombardia  a firmare un protocollo d’intesa (quinquennale) con la Lombardia Film Commission. Il patto fu siglato nel 2015 dall’allora sindaco Mario Lucini e  il presidente di Lombardia Film Commission Alberto Di Rubba.  L’impegno dell’ente lombardo fu di  “vendere” il brand Lago di Como alle produzioni a caccia di location a patto che «ne promuovano e pubblicizzino positivamente l’immagine». Il partner regionale deve anche «collaborare con le attività di formazione in campo cinematografico presenti in città». Il Comune, da parte sua, ha messo sul piatto «un unico ufficio di contatto» per le pratiche burocratiche, «un’area di rimessaggio per i mezzi/automezzi/macchinari» e soprattutto «l’abbattimento del 100% della tassa di occupazione suolo pubblico». Ancora da realizzare il proposito lanciato all’epoca dai due partner che si erano impegnati «a ideare e proporre una nuova fiction televisiva da ambientarsi in città e sul lago di Como, che valorizzi in modo particolare la cultura e le tradizioni locali».

22 agosto 2018

Info Autore

Lorenzo

Lorenzo Morandotti lmorandotti@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto