Cronaca

Finanziere e rapinatore: «Sono rovinato»

altNella bergamasca Arrestato 44enne in servizio a Como. L’obiettivo era la dimora di un Rom
Con tre complici avrebbe tentato il colpo in una villa
«Mi sono rovinato la vita. Che vergogna per la mia famiglia». Avrebbe ammesso tutto e si sarebbe disperato davanti al giudice, il finanziere di Como fermato con tre complici per una tentata rapina nella villa di un capo rom a Brembo di Dalmine, nella Bergamasca.
I quattro, indossando le pettorine delle fiamme gialle e con le armi in pugno, si sarebbero presentati dicendo di dover fare una perquisizione.
Scoperti dai carabinieri, sono stati però bloccati e arrestati. Martedì scorso, a bordo di un’auto sulla quale era stata montata una targa risultata rubata, i quattro si sono presentati nella lussuosa residenza di un Rom nato in Croazia ma con cittadinanza italiana, con una lunga carriera di truffatore alle spalle.

Nella villa c’era una donna di servizio, alla quale il vero finanziere e i falsi colleghi hanno detto di dover fare una perquisizione. L’obiettivo, stando a quanto avrebbero dichiarato gli stessi uomini arrestati, sarebbe stato rubare soldi, gioielli e oggetti preziosi. Avviata la finta perquisizione, i quattro avrebbero sentito rumori sospetti all’esterno della villa e avrebbero quindi deciso di uscire e rinunciare al colpo. Ad attenderli però c’erano i carabinieri di Milano che li avevano intercettati, sembra anche grazie a una cimice che era installata sull’auto utilizzata per il colpo. I quattro sono stati arrestati. Il finanziere comasco in manette è Sandro Carrabino, 44 anni, nelle fiamme gialle dal 1992 e in servizio prima a Ponte Chiasso, poi ad Albate e ora negli uffici della guardia di finanza di Como. Il militare non era in servizio al momento del colpo. Nell’interrogatorio di convalida, davanti al giudice per le indagini preliminari di Bergamo Raffaella Moscorino, avrebbe ammesso le sue responsabilità e, disperato, avrebbe detto di essersi rovinato la vita e di provare vergogna per la sua famiglia.
Il giudice scioglierà la riserva entro oggi sulla convalida dell’arresto. Al momento, il finanziere e i tre complici sono nel carcere di Bergamo. Secondo alcune indiscrezioni trapelate ieri, l’indagine potrebbe allargarsi per verificare altri episodi andati in scena con modalità analoghe.

Anna Campaniello

Nella foto:
I carabinieri di Milano sono intervenuti sventando il colpo nella villa della Bergamasca
17 Ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto