Fisionomie lariane, così gli architetti raccontano il Lario

Il Novocomum, storico edificio di Giuseppe Terragni, a Como in via Sinigaglia 1, sede dell’Ordine degli Architetti

Luoghi noti e meno noti, comunque identitari. Prende sempre più corpo il progetto Fisionomie Lariane promosso dall’Ordine degli Architetti di Como, inventario di architetture e paesaggi sul territorio che consta di un archivio fotografico d’autore, una collezione di disegni, una collana di itinerari, un’esposizione permanente, una piattaforma web e un grande espositore dove le immagini prendono forma di cartolina con commenti di intellettuali, scrittori, giornalisti e architetti.
Un progetto originale che invita turisti e cittadini a conoscere in modo anticonvenzionale il Lario disegnando inediti percorsi lungo quattro categorie: Acque, Tracce, Insediamenti, Attività.
«L’architettura è una carezza in un momento di costrizione» è l’aforisma con cui Attilio Terragni commenta l’immagine del capolavoro del geniale architetto di cui è pronipote, l’Asilo Sant’Elia di Giuseppe Terragni. Il Novocomum, sede dell’Ordine degli Architetti e primo edificio costruito di Terragni, diventa così il punto di partenza per questo viaggio di esplorazione che non ha nulla di estetizzante né di cronachistico ma intende sollecitare dibattiti e accendere connessioni.
«In questo periodo di reclusione “fisica” – scrive ad esempio Francina Chiara, esperta di storia dei tessuti commentando le case Ina a Sagnino – il mattone si trasforma in metafora degli esseri umani, della loro vita». Nella sua cartolina a commento di un paesaggio di Como dall’alto, lo storico dell’architettura Fulvio Irace ricorda invece il fotomontaggio del 1978 con cui lo scultore Francesco Somaini, aderendo all’iniziativa di mail art promossa dalla Galleria La Ruota di Como, fece incombere una sua scultura («L’Antropoammonite VI ad anello del 1977») nel tessuto urbano della città storica: «In una sintesi di grande visionarietà, riprendeva riflessioni sul rapporto tra scultura e ambiente urbano».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.