Flash mob su cime 5 Torri Cortina per dire stop impianti sci

All'opera dieci cordate

(ANSA) – CORTINA D’AMPEZZO, 03 SET – Flash mob con ‘assalto’ alle 5 Torri sopra Cortina d’Ampezzo per dire stop alla proliferazione incontrollata di impianti di risalita e alla loro presenza invasiva per gli aspetti ambientali delle Dolomiti. A farlo addetti ai lavori e rocciatori: dai gestori di rifugi alle guide alpine passando per gli appassionati fino ad alcuni imprenditori attivi sull’arco dolomitico. Nessun simbolo o etichetta a caratterizzare il gesto "ma solo la volontà – è stato spiegato – di preservare un patrimonio Unesco che troppo spesso viene ‘svenduto’ a fini economico-turistici". La parte più coreografica del flash mob è stata quella verticale; dieci cordate hanno raggiunto, su ‘vie’ classiche dell’alpinismo, le cime della Torre degli Inglesi, della Torre Latina, della Torre Grande Cima Ovest, della Torre Grande Cima Sud e del Torrione di mezzo . Giunti in vetta i promotori dell’iniziativa hanno esposto striscioni con scritto "Basta impianti, rispettiamo le montagne". "Non siamo contro lo sci e non siamo integralisti – ha detto Valerio Scarpa, a nome dei partecipanti -.Siamo persone che amano la montagna, che la vivono a 360 gradi in tutte le stagioni, per lavoro e per passione, e che stanno assistendo impotenti alla distruzione sistematica delle poche aree rimaste libere da impianti nelle Dolomiti". Nel mirino anche i lavori per i Mondiali di sci e le Olimpiadi invernali a Cortina, che stanno avendo, secondo gli ambientalisti, "un importante impatto sui versanti delle Tofane e delle Cinque Torri, con sensibili ampliamenti di impianti e di infrastrutture di vario genere". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.