Reportage

Folla ordinata alla “De Cristoforis” per la distribuzione di sacchi e bidoni. Inizia la rivoluzione dei rifiuti

altTempi veloci per avere il materiale preparato dal Comune
(f.bar.) «Alle 8 in punto, appena abbiamo aperto i cancelli, c’era parecchia gente in attesa». È iniziata così la prima giornata della rivoluzione rifiuti.
A parlare è Luigi Bedetti, uno dei responsabili della distribuzione dei kit per la raccolta differenziata.
La Caserma De Cristoforis, uno dei luoghi prescelti, ha assorbito bene l’arrivo in massa dei comaschi. Semplice il meccanismo: le auto sono state fatte entrare dal passo carraio per poter usufruire dell’ampio piazzale

interno come parcheggio. Poi in 8 postazioni, allestite negli angoli dell’edificio, i cittadini potevano ritirare il materiale dopo aver presentato un documento. Dopo un’attesa massima di 15 minuti, a bordo delle proprie auto uscivano dalla porta centrale.
Nessun intoppo, dunque, in questa giornata d’esordio del servizio e utenti soddisfatti. «Sono arrivate davvero molte persone – ha detto Bedetti – Proseguiremo anche in altre date sempre con le stesse modalità. Le persone erano preparate e pronte. Non ci sono stati problemi».
Differente la dotazione consegnata, a seconda della tipologia di abitazione. Alle famiglie che vivono in case singole o in edifici con al massimo 4 appartamenti viene data una confezione di 100 sacchi grigi trasparenti per i rifiuti indifferenziati, una con 50 sacchi gialli per gli imballaggi di plastica, un raccoglitore marrone e una confezione di 100 sacchetti di carta per i rifiuti organici. Infine, un contenitore verde per il vetro e il metallo, uno blu per carta e cartone e la tessera Ecopass per l’accesso al centro di raccolta di via Stazzi.
«Eccellente l’organizzazione. Soprattutto per chi, come me, vive in una casa singola e deve ritirare molto materiale – dice Domenico De Fernando – Ben venga, inoltre, la nuova riorganizzazione che garantirà maggiore ordine e, soprattutto, permetterà di riciclare al meglio i rifiuti». Soltanto complimenti, dunque, ieri mattina. «È un processo che permetterà a Como di diventare come molte altre città, da tempo attrezzate per sfruttare al meglio il riciclaggio», aggiunge Pietro Bossi mentre carica in auto i contenitori destinati alla sua abitazione.
Le famiglie che invece abitano in condomini con 5 o più appartamenti avranno una confezione di 100 sacchi grigi trasparenti per i rifiuti indifferenziati, una scatola con 50 sacchi gialli per gli imballaggi di plastica, un contenitore marrone e una confezione di 100 sacchetti di carta per i rifiuti organici. Oltre alla tessera Ecopass per l’accesso alla piattaforma. Gli altri contenitori, per gli edifici, verranno consegnati direttamente al condominio da Aprica, la società che per conto del Comune gestirà il servizio. «È sicuramente una rivoluzione positiva. Si punta, giustamente, a organizzare nel migliore dei modi la raccolta e soprattutto lo sfruttamento dei rifiuti. Ben venga anche l’inevitabile confusione iniziale che magari si potrà venire a creare», dice Gianpaolo Butti.
«È andato tutto bene. Ci hanno dato indicazioni precise e in 15 minuti siamo usciti con il necessario», dice Mario Fontana.
«Iniziativa lodevole e necessaria per puntare a innalzare la percentuale di raccolta differenziata», dice Alessandro Turbati.
«Prima vivevo a Milano e lì consegnavano tutto il necessario direttamente a casa. Differenze a parte, è giusto che tutti i cittadini si impegnino per dividere accuratamente i rifiuti», aggiunge infine Simonetta Leotta.

Nella foto:
Bidoni e sacchetti della differenziata sono stati distribuiti in modo ordinato e soprattutto veloce (Mv)
4 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto