Cronaca

Fondi salvi fino al 2018 per la Variante della Tremezzina nonostante i ritardi

images/articoli/201410/16p16f105

La buona notizia era stata anticipata qualche giorno fa, ma da oggi è ufficiale: la Variante della Tremezzina non rischia più di perdere i 210 milioni di euro messi a disposizione dallo Stato per realizzare l’opera, inserita nel cosiddetto decreto “Sblocca Italia”. Ad annunciarlo, oggi, i parlamentari del Partito Democratico Mauro Guerra e Chiara Braga, dopo l’approvazione alla Camera dei deputati della legge di conversione del decreto legge 185/2015. “Di fatto e di diritto, ora – chiariscono i due esponenti del PD – il combinato disposto dalle norme previste dal decreto legge “sblocca Italia” e dai provvedimenti che lo hanno seguito sino a quello ora approvato offre tempo sino al 2018 per giungere a cantierare l’opera senza perdere il finanziamento”. Altri due anni di tempo, dunque, per avviare il cantiere dell’opera che il territorio attende da decenni, senza rischiare pesanti conseguenze, nonostante i tempi per l’approvazione definitiva del progetto e per arrivare all’appalto e alla cantierabilità dell’opera siano notevolmente aumentati dopo la bocciatura della Soprintendenza. Certo, restano da reperire le ultime risorse (120 milioni) e c’è da superare lo scoglio del parere negativo della Soprintendenza, appunto, ma fino al 2018 la variante potrà contare sui fondi già stanziati e lavorare per superare l’impasse. “Grazie a questa norma prevista dal Governo, ora approvata definitivamente dal Parlamento, e che raccoglie anche le richieste e sollecitazioni che abbiamo formulato in questi mesi – concludono Braga e Guerra – vi sono le condizioni per proseguire il lavoro volto a consentire di superare le criticità emerse nel percorso di condivisione ed approvazione del progetto definitivo”. Dopo la bocciatura della Soprintendenza in conferenza dei servizi, nel frattempo, la palla è passata al governo. Spetterà al Consiglio dei Ministri decidere se far realizzare o meno l’opera esprimendosi con un atto di alta amministrazione, un atto con forza di legge che non può essere impugnato.

Tratto da Espansione TV

20 gennaio 2016

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto