Forno crematorio, per le emissioni dei fumi è arrivato il via libera di Villa Saporiti

Un'immagine del forno crematorio di Como

Nuovo passo avanti verso l’entrata in servizio del forno crematorio di Como, chiuso ormai dal 4 giugno del 2016 e fonte di continue polemiche. Finalmente il settore Ecologia e Ambiente della Provincia di Como ha rilasciato l’autorizzazione alle emissioni in atmosfera per l’impianto di cremazione.
«L’autorizzazione ha una durata di 15 anni ed è stata trasmessa al Comune di Como», si legge nella nota inviata dall’ufficio stampa della Provincia. Un piccolo passo in una questione che si trascina purtroppo da anni creando un dibattito infinito in città sulla gestione della struttura e disagi per i cittadini.
Ma i tempi per la riapertura del forno resteranno comunque lunghi.

L’approfondimento sul Corriere di Como in edicola sabato 19 gennaio

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.