Como, Forza Italia esce dall’aula e non vota il bilancio consolidato

Consiglio comunale

La maggioranza guidata da Landriscina è come un’auto con «numerose ammaccature che, per continuare a circolare, ha bisogno dell’intervento del carrozziere. Ecco, noi di Forza Italia in certi casi diamo la martellata giusta per far ripartire la vettura e in certi altri invece non interveniamo perché in disaccordo». Il paragone di Enrico Cenetiempo, capogruppo forzista, viene utilizzato per commentare l’ennesimo strappo nella maggioranza – avvenuto mercoledì sera in consiglio – con i rappresentanti di Forza Italia usciti dall’aula al momento del voto sul bilancio consolidato. Un’astensione (13 alla fine i voti favorevoli che hanno comunque garantito il passaggio del documento), che sottolinea ancora una volta il fatto che «per esistere, una maggioranza esiste anche se a volte dovrà fare a meno di noi perché su certe scelte non siamo in sintonia, come accaduto sul bilancio consolidato. Documento sul quale non abbiamo avuto i chiarimenti domandati», spiega Cenetiempo. E non c’è stato il rientro in aula neanche per il successivo voto sull’immediata entrata in vigore della delibera. Così facendo non si è raggiunta la maggioranza assoluta necessaria per questa votazione. Fatto che comporterà uno slittamento di 15 giorni all’immediata eseguibilità delle cento assunzioni previste dal Comune e legate all’approvazione del bilancio consolidato. «Non saranno 15 giorni di ritardo – spiega Cenetiempo – a creare problemi di personale. Da più di un anno gli uffici hanno carenze di organico. Il nostro non voto manifesta una valutazione politica sui singoli provvedimenti».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.