Vip

Francesca Ruffini: «Como, pensa positivo»

altSolidarietà. Mercoledì showcooking con Gualtiero Marchesi per aiutare la scienza Il grande cuore di Como risponde quando si tratta di una buona causa
Francesca Ruffini: «Mio marito Remo? Mi ispiro al suo tenace ottimismo».
Entusiasmo? Significa non dover mai dire “mi fermo di fronte alle difficoltà”. E avere sempre, nonostante tutto, una tenace voglia di fare».
È il mantra che anima Francesca Ruffini (nella foto Mv, nello studio della trasmissione Angoli di Espansione Tv), presidente della delegazione comasca della Fondazione Umberto Veronesi, alle cui attività sarà devoluta la raccolta fondi in occasione della cena di gala al Teatro Sociale del prossimo 29 ottobre.
Un mantra, quello di Francesca

Ruffini, ispiratole direttamente dal marito Remo, patron del celebre marchio Moncler. «Lo amo da quando avevo 17 anni – dice Francesca – è il mio mentore e il mio faro, mi ispiro al suo tenace ottimismo del fare. È la benzina della mia autostima».
Il manager comasco dell’azienda celebre per i suoi piumini non mancherà alla serata insieme con lo stesso oncologo Veronesi cui è intitolata la fondazione, e con loro ci sarà anche il maestro Gualtiero Marchesi. Sì, perché la raccolta fondi a favore della ricerca scientifica, mercoledì alle 20, sarà anche un evento gastronomico.
Il mitico chef ha progettato e preparato il menu che poi sarà impiattato nella prestigiosa cornice del Sociale e sarà anche protagonista di un esclusivo showcooking. Ci sarà anche Marco Bianchi, divulgatore scientifico della Fondazione Veronesi, egli pure alle prese con uno showcooking in presenza degli ospiti raccontando i piatti che verranno serviti durante la serata. E la nutrizionista Elena Dogliotti, sostenuta dalla Fondazione Veronesi, spiegherà i benefici nutrizionali degli ingredienti utilizzati e delle tecniche per cucinarli in modo gustoso, senza alterarli. «Vivere bene è possibile, basta volerlo, premiarsi con un’alimentazione sana e preventiva non costa sacrifici», dice Francesca Ruffini. «Il mio vuole essere un messaggio positivo, oltre che un ringraziamento all’entusiasmo con cui Como ha aderito a questo evento. La città è bellissima, al centro di un territorio che ha enormi potenzialità. E lo si vede proprio sul fronte della solidarietà, dove il nostro “charity dinner” ha trovato forti sostegni nella società civile e nell’imprenditoria. Il Lario ha un cuore grande, una sensibilità fantastica. Per questo l’evento al Sociale vuole essere non un punto d’arrivo bensì di partenza, l’inizio di una presenza costante della fondazione sul Lario».
E basta a chi si lamenta senza proporre: «La critica a senso unico è retorica – dice Francesca – E poi è inutile recriminare sul latte versato, lamentarsi della crisi. Piuttosto, rimbocchiamoci le maniche e lanciamo messaggi positivi».
Con i fondi la delegazione potrà finanziare non solo borse di ricerca a giovani e meritevoli ricercatori che si occupino di ricerca scientifica nel campo della nutrigenomica (la scienza che studia come i cibi influenzino la salute, in un ruolo protettivo e preventivo), ma anche il progetto della Fondazione dedicato all’oncologia pediatrica, “Gold for Kids”.

26 Ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto