Fratello Floyd,Trump non mi ha ascoltato

'Tentavo di parlargli ma lui continuava a respingermi'

(ANSA) – WASHINGTON, 31 MAG – Philonise Floyd, il fratello dell’afroamericano morto a Minneapolis, ha riferito alla Msnbc che la sua conversazione con Donald Trump è stata "troppo veloce". "Non mi ha dato l’opportunità neppure di parlare", ha proseguito. "E’ stato difficile. Tentavo di parlargli ma lui continuava a respingermi come se dicesse ‘non voglio sentire di cosa stai parlando’ ", ha raccontato. "Gli ho solo detto che voglio giustizia e che non potevo credere che avessero commesso un moderno linciaggio in pieno giorno", ha proseguito.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.