Frenata di Caronnese e Gozzano. Como, oggi un jolly da non sprecare

Una gara che già valeva doppio e che ora ha molto più peso. Una partita per rialzare la testa dopo lo stop di Sesto San Giovanni e un derby. Ma non solo, perché Como-Varese (oggi alle 14.30 allo stadio Sinigaglia) per gli azzurri ha davvero grande valore dopo i risultati delle sfide disputate ieri nel girone A di serie D.
Il Gozzano ha infatti perso clamorosamente in casa con il Pavia per 3-4 (sotto gli occhi di Ninni Corda, consulente tecnico della società lariana), mentre la Caronnese non è andato oltre l’1-1 esterno sul terreno del Bra. Un match che i varesini hanno tra l’altro pareggiato solo all’89’. Di fatto un doppio passo falso del duo di testa, con la Caronnese che ora guida la graduatoria con 48 punti. Il Gozzano segue a 47, mentre il Como, con una gara in meno, è a quota 39. Gli azzurri, dunque, hanno una ghiotta occasione per accorciare le distanze.
Del resto, lo aveva detto proprio sul Corriere di Como di ieri il presidente azzurro Massimo Nicastro: «Dobbiamo essere pronti ad approfittare dei passi falsi degli avversari». Subito, dunque, una occasione.
Alle spalle dei lariani c’è la Pro Sesto, che ha pareggiato 1-1 sul terreno della Varesina. Da segnalare la vittoria dell’Arconatese a Olginate per 4-0. Una Arconatese che mercoledì, nel turno infrasettimanale, attende il Como sul campo di Inveruno. Il Derthona, che fra una settimana arriva al Sinigaglia, ha pareggiato 0-0 in trasferta con la Folgore Caratese.
Ma ora l’attenzione è tutta sulla partita degli azzurri contro il Varese. Degli aspetti legati all’ordine pubblico parliamo a pagina 3.
Sul fronte sportivo, i valori sulla carta, sono sbilanciati a favore dei lariani: gli azzurri sono terzi, mentre i varesini navigano attorno alla metà classifica. Varese ha un attacco più efficace: 28 gol fatti, contro i 25 del Como. Al tempo stesso, però, ha anche una difesa meno solida. La rete biancorossa si è gonfiata 28 volte, mentre il Como ha incassato 16 reti.
Sotto il profilo strettamente tecnico, il Como di mister Andreucci potrà contare su due nuovi giocatori. L’attaccante Giulio Camarlinghi, in prestito dal Livorno, 19 anni, e il mediano Davide Buono, classe 1991, che potrebbe partire titolare fin dal primo minuto, per la squalifica di Molino.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.