Funerale simbolico a Campione. Il corteo a lutto al via sabato alle 15. Previste soste all’arco e davanti alla casa da gioco fallita

il Casinò di Campione d'Italia

Nuova protesta, questa volta con coccarda a lutto, per dare un futuro a Campione d’Italia a un anno dalla chiusura del Casinò. Il gruppo “Residenti” insieme al “Comitato civico” a un anno dalla chiusura della casa da gioco chiama a raccolta tutta la cittadinanza campionese. «Chiediamo agli ex lavoratori del Casinò, ai dipendenti del Comune, ai commercianti, ai pensionati, insieme ai nostri bambini rimasti senza asilo e senza un futuro, di partecipare a un simbolico funerale del paese», si legge in un comunicato su Internet.
Le celebrazioni si svolgeranno sabato 27 luglio. La marcia inizierà alle 15 con ritrovo davanti al municipio.
Il corteo si snoderà per le vie del paese, sono previste delle soste all’arco e davanti alle porte chiuse della casa da gioco. La manifestazione vuole coinvolgere tutti i comitati locali campionesi, le associazioni e le varie sigle sindacali che hanno sostenuto i diritti dei lavoratori del Casinò e del Comune.
«Preghiamo tutti i negozianti e gli operatori economici di abbassare le serrande per rispetto di questa dolorosa crisi che ha travolto una intera comunità – prosegue l’appello dei promotori – Campione d’Italia è un paese italiano, lombardo, della provincia di Como con 1.958 abitanti italiani purtroppo da dodici mesi sempre più lontani dalla loro madrepatria. La comunità a un anno dal drammatico fallimento dell’unica vera azienda presente a Campione pretende dalla politica un modo di agire responsabile, servono scelte urgenti, la dignità del paese e delle persone che lo vivono passa dai tavoli della casa da gioco. Il 27 luglio è una data da ricordare, è l’occasione per tornare a sperare e al contempo per contestare il trattamento ingiusto ricevuto da Campione d’Italia rispetto a tutte le altre vertenze che hanno interessato numerose aziende italiane. Ad oggi nessun rappresentante del governo ha mai dimostrato di essere al nostro fianco. Campione d’Italia non può essere dimenticata».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.