Furono normali scherzi, non episodi di bullismo. Prosciolti sei studenti
Cronaca

Furono normali scherzi, non episodi di bullismo. Prosciolti sei studenti

Il Tribunale dei Minori di Milano

«Non luogo a procedere» e imputati prosciolti. Non si trattò insomma di atti di bullismo in classe – come sostenuto dall’accusa – bensì di scherzi tra adolescenti, comunque non punibili. È questa la tesi del Tribunale dei Minori di Milano in merito alla vicenda dei sei studenti minorenni (all’epoca dei fatti) finiti nei guai per aver molestato – riteneva l’accusa – un compagno di classe con puntine e libri resi inutilizzabili dopo averli danneggiati con l’acqua. Provocazioni che avrebbero portato la vittima a non mangiare più e a non voler andare a scuola. Il medico di base arrivò a scrivere un referto sulla perdita di peso del ragazzo e sulle crisi di panico che lo assalivano ogni volta che si trattava di dover andare a scuola.

La difesa però, in aula, è riuscita a convincere i giudici – le motivazioni sono attese tra 45 giorni – che non si trattò di bullismo ma di scherzi che coinvolgevano non solo il denunciate ma anche il resto della classe, compresi i sei finiti a processo. L’accusa aveva chiesto sei condanne a un anno a testa, mentre ieri è arrivata la sentenza di non luogo a procedere. «Sono ovviamente contento di questa decisione del giudice, soprattutto per i ragazzi e le loro famiglie – ha poi commentato l’avvocato Marco Favara, che difendeva tre dei sei giovani – Hanno passato un calvario lungo un anno tra assistenti sociali, interrogatori e tribunali. Tutte le accuse nei loro confronti sono cadute come un castello di sabbia. Questa vicenda deve farci ricordare che esiste differenza tra uno screzio fra adolescenti e un atto di bullismo, e che una lite tra compagni di classe non può dar luogo a un procedimento giudiziario».

La vicenda risale al marzo del 2015 e andò in scena in una classe di un istituto della Brianza comasca. A lanciare l’allarme fu la madre del ragazzo che si riteneva vessato. La mamma, preoccupata, vedendo il figlio che deperiva giorno dopo giorno, chiese cosa non andava e da lì emerse il problema del figlio con i compagni di classe. Il ragazzo raccontò tutto alla madre, esausto per quella situazione a suo dire ingestibile. Descrisse mesi di angherie poi segnalate alla scuola e anche ai carabinieri che raccolsero la denuncia. Il fascicolo finì così sul tavolo del Tribunale dei Minori di Milano e nei guai si trovarono i sei ragazzi che, all’epoca dei fatti, avevano un’età compresa tra i 14 e i 17 anni, tutti residenti in Brianza. Vicenda giudiziaria finita ieri con il proscioglimento dalle accuse formulate.

28 Mar 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto