Furti nelle abitazioni, banda smantellata: almeno 8 i colpi a segno nel Comasco

carabinieri 112

I carabinieri di Milano hanno smantellato una banda di albanesi che si era specializzata in una serie di furti all’interno delle abitazioni.
Sono ben 17 i destinatari di un provvedimento di fermo di indiziato di delitto nell’ambito dell’operazione, che è stata eseguita all’alba di ieri dai militari dell’Arma.
I malviventi erano soliti colpire in gran parte del territorio della Lombardia e sono almeno otto i colpi che avrebbero messo a segno soltanto nella provincia di Como.
Reati gravi quelli di cui devono rispondere gli albanesi che sono stati fermati.
Sono infatti accusati, a vario titolo, oltre che di concorso in furto in abitazione, anche di tentato omicidio, ricettazione e detenzione illegale di armi e munizioni.
In base a quanto è stato ricostruito dai carabinieri nel corso delle indagini infatti, la banda è responsabile anche del tentato investimento di due militari dell’Arma che avevano cercato di bloccare i ladri in fuga dopo un colpo che era stato messo a segno a Castellanza.
Gli uomini delle forze dell’ordine si erano salvati gettandosi a terra, dopo aver sparato alcuni colpi contro il motore dell’auto che li puntava.
L’operazione, che è stata portata a termine all’alba di ieri, avrebbe smantellato tre distinti gruppi di criminali che da aprile a oggi avrebbero messo a segno almeno 57 furti in abitazione a Como e nelle province di Milano, Monza e Brianza, Brescia, Cremona, Lecco e Varese.
I malviventi agivano soprattutto di notte, spesso anche con i proprietari delle abitazioni presenti nelle abitazioni prese di mira.
Si spostavano a bordo di autovetture di grossa cilindrata risultate intestate a prestanome o con targhe clonate.
Il fermo eseguito ieri mattina è stato emesso dal pubblico ministero della Procura della Repubblica del tribunale di Monza.
Gli indagati sono tutti di origine albanese, in Italia senza fissa dimora, che avevano come punto di ritrovo i parcheggi del Centro commerciale “Brianza” di Paderno Dugnano (Milano).
Secondo gli inquirenti erano pronti a scappare in Albania. Nell’ambito dell’operazione realizzata ieri sono state sequestrate due pistole, un revolver calibro 357 magnum e una semiautomatica con 11 munizioni di vario calibro, due autovetture intestate a prestanome, attrezzi da scasso, radio portatili e refurtiva.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.