Gasolio di contrabbando per 6mila litri: bonificata un’area di Fino

Maxi inchiesta della guardia di finanza

Un deposito abusivo di Gpl e gasolio di contrabbando, quest’ultimo dunque di provenienza extra nazionale.
Una zona di stoccaggio situata nel territorio del comune di Fino Mornasco, in un’area aperta e in prossimità del centro abitato.
È ciò che ha scoperto la guardia di finanza della Compagnia di Como, nell’ambito di un servizio di controllo sulla movimentazione e lo stoccaggio di generi ad alta pericolosità.
Il tutto era depositato, come detto, in un’area aperta dove erano presenti circa 800 fra bombole e cisterne, per una capacità complessiva di oltre 35 mila chilogrammi di gas propano liquido, ma contenenti complessivamente 505 chilogrammi di Gpl e 5.825 litri di gasolio.
I titolari dell’attività commerciale sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Como per reati che vanno dal possesso di materiale esplodente e infiammabile alla detenzione di oli minerali sottratti all’accertamento dell’accisa.
L’operazione della guardia di finanza, una volta fatta la scoperta, è stata però oltremodo complicata anche tenuto conto di dove si trovava questo liquido infiammabile.
Ovvero posizionato alla rinfusa insieme a cataste di legna, il tutto con un ovvio e grande rischio di esplosione e di incendio.
Le fiamme gialle hanno quindi richiesto in supporto l’intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale di Como, ma anche di quelli del comando regionale di Milano (ovvero del nucleo NBCR, addetto a trattare sostanze pericolose convenzionali e non convenzionali).
Nell’area sono state separate e allontanate le sostanze pericolose, e tutta la zona è poi stata messa in sicurezza bonificando il sito e le situazioni di pericolo. L’operazione non si è però conclusa qui.
Le indagini della guardia di finanza sono infatti tuttora in corso per quantificare l’eventuale frode collegata alla vendita illecita e in nero dei prodotti petroliferi in modo da recuperare le somme relative alle accise sottratte alle casse dello stato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.