Gervasoni: «Pronti a fermare i treni a Como Borghi»

Pierangelo Gervasoni

Fermare i treni a Como Borghi. Il Comune di Como è pronto anche a valutare soluzioni estreme per far fronte alle conseguenze sul traffico dei nuovi tempi di chiusura dei passaggi a livello di viale Lecco. Oltre un quarto d’ora di stop all’ora, un “tappo” che da settembre potrebbero mandare completamente in tilt il girone e l’accesso alla convalle del capoluogo.
Pierangelo Gervasoni, neo assessore ai Lavori pubblici, lo dice chiaramente: «Non possiamo permetterci questa situazione, se sarà necessario, facendo le dovute valutazioni, siamo pronti a chiedere lo stop dei treni a Como Borghi, con la possibilità di arrivare a Como Lago solo in alcune fasce orarie», ha commentato l’assessore di Forza Italia.
Nel lungo periodo, tra le ipotesi al vaglio restano l’interramento oppure la sostituzione della linea ferroviaria con una sorta di metropolitana leggera.
«Questa è una soluzione che arriva dal passato e che assolutamente nel futuro dovremmo approfondire e possibilmente portare avanti proprio con la collaborazione di Ferrovienord», ha detto ieri Gervasoni davanti alle telecamere di Etv.
«Io ricordo bene che sono già stati fatti dei progetti – ha aggiunto l’assessore – Se vado a vedere negli archivi del Comune trovo anche gli studi per l’interramento. Della questione non se ne parla da oggi, ma da anni».
La nuova situazione potrebbe modificare l’intero Piano del traffico.
«Se va avanti questa soluzione prospettata sulle barriere dovremo sicuramente rivederlo – ha detto ancora Gervasoni – Il documento pur recente andrà comunque aggiornato, visto che è stato redatto prima della pandemia del Coronavirus».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.