Ghisallo, il tributo ai grandi del ciclismo: Magni, Bartali e Torriani
Sport, Territorio

Ghisallo, il tributo ai grandi del ciclismo: Magni, Bartali e Torriani

Il saluto del presidente della Fondazione Museo Ghisallo Antonio Molteni (immagini di Fabiano Ghilardi)

Una cerimonia all’insegna del ricordo di due grandi corridori del passato: il Museo del Ciclismo del Ghisallo ieri ha ricordato Fiorenzo Magni e Gino Bartali con l’inaugurazione di due opere d’arte, due visi, dello scultore Frano Zazzeri. Un evento a cui hanno partecipato rappresentanti delle istituzioni e del mondo sportivo, tra cui il sindaco di Magreglio Danilo Bianchi e quello di Bellagio Angelo Barindelli. A fare gli onori di casa il presidente della Fondazione Museo, Antonio Molteni e la direttrice della struttura Carola Gentilini. In prima fila anche i familiari di Fiorenzo Magni.

Le figlie di Fiorenzo Magni scoprono i volti dedicati al padre e a Gino Bartali

Una cerimonia che ancora una volta ha valorizzato il Museo del Ciclismo, che è stato voluto proprio da Fiorenzo Magni: 11 anni fa l’inaugurazione. Ma allo stesso tempo una occasione per ricordare la scomparsa del “Leone delle Fiandre” – questo era il suo soprannome da corridore, morto il 19 ottobre del 2002, pochi giorni dopo la presentazione del libro “Magni-Il terzo uomo”, la sua unica biografia ufficiale. Anche Gino Bartali era legato al Ghisallo e al Santuario: era devotissimo alla Madonna patrona dei ciclisti.

Un momento della cerimonia al Ghisallo

Una opportunità, quella di ieri, per riportare sotto i riflettori il Museo, che nei fine settimana ha una larga frequentazione di appassionati italiani, mentre negli altri giorni i visitatori sono quasi esclusivamente stranieri. A Molteni e al suo staff il merito di aver dato continuità al progetto di Magni: per problemi economici a un certo punto sembrava che si dovesse addirittura arrivare ad una chiusura.

La presentazione del libro di Gianni Torriani

La giornata si è chiusa con la presentazione del libro L’ultimo patron, che Gianni Torriani ha dedicato al padre Vincenzo, storico promoter delle più importanti corse ciclistiche del nostro Paese e molto legato al Lario, visto che nei momenti di relax amava rifugiarsi a Canzo. A fianco di Gianni Torriani, i fratelli Marco (con la figlia Lucrezia) e Maria Luisa.

15 Ottobre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto