Lario ad arte

Gianfranco Sergio

gianfranco_sergio_autore_smallL’AUTORE
Gianfranco Sergio, con Sgarbi alla Biennale “tricolore”
Gianfranco Sergio (nella foto di Davide Gaffuri, click per ingrandire) è nato nel 1961 a Rende (Cosenza) e vive e lavora a Como. Una delle sue personali più importanti è stata “Un macrocosmo in un microcosmo” alla  galleria “Rinaldo Rotta” di  Genova, a cura di Maurizio Marini. Nel 2009 ha tenuto l’antologica  “Tra terra e cielo: il volo della memoria”, a cura di Edoardo Di Mauro, nell’ex chiesa di  San Pietro in Atrio a  Como. Nel 2011 è stato tra i non pochi  comaschi – tra cui  Vania Tam, Marcella Chirico, Pantaleo Cretì, Matteo Galvano, Fabrizio Bellanca ed Enrico Cazzaniga – invitati da Vittorio Sgarbi nella 54ª Biennale dedicata all’Italia nel 150° dell’Unità. Il suo sito è www.gianfrancosergio.com

gianfranco_sergio_opera_smallL’OPERA
Omaggio alla cravatta “anticrisi”
Lorenzo Morandotti
Il mondo, così com’è,  non piace?  Tuffiamoci in una bella vasca di surrealismo. Non in quello storico (i comaschi ne hanno avuto qualche assaggio con la mostra di René Magritte del 2006, a Villa Olmo) ma con le opere del lariano Gianfranco Sergio.
Grazie alle quali ci s’immerge in un mondo d’ironia libera e colorata.  Rovesciare il nostro senso del familiare, sabotare le nostre abitudini, mettere il mondo reale sotto processo: questi erano alcuni degli imperativi del surrealismo magrittiano, secondo la studiosa Suzi Gablik.
In Sergio il gioco è più sottile. Ad esempio,  balza all’occhio il riferimento al futurismo e si sente che è erede della  stagione della Transavanguardia, il movimento teorizzato  dal critico Achille Bonito Oliva. Lo si vede  nell’esercizio della citazione, sia colta sia popolare (dal fumetto e dal mondo della pubblicità, ad esempio). Ma Sergio ha anche altre corde. Dà  vita a mondi di favola funambolica, ricchi (ma senza strafare) di allegorie. Che a volte sono comasche, come nel recente olio su tela “I cravattai”, da interpretare come divertente forma di esorcismo che intende cancellare lo spauracchio della crisi: il simbolo dell’eccellenza tessile lariana, la cravatta appunto, qui domina la scena, indossata da inquietanti maschere, in versione “maxi” – come pare avvenga nei momenti di maggiore edonismo economico, mentre nei periodi di “magra” è di rigore la cravatta slim. E mentre fuori dal dipinto si vuole trionfante l’abbigliamento casual pure nelle situazioni più ufficiali, la cravatta rimane sinonimo di eleganza e personalità tutta maschile.
Sergio lavora così: gioca con frammenti di realtà  – fiori, libri, punte, cappelli, giocattoli  – per creare un mondo fantastico dipinto con tratto leggero, che come ha notato Barbara Martusciello,  riecheggia capisaldi del fantastico come “Il Mago di Oz” e “Alice nel paese delle meraviglie”.

GALLERIA  (clicca su una immagine per visitare la Galleria)
[oi_gallery path="cultura/lario_ad_arte/gianfranco_sergio/gallery"]

 

 

 

 

 

 

 

6 Nov 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto