Giorgi decima e felice: «Bel risultato»

alt

Rassegna iridiata a Mosca
La cabiatese ieri impegnata nella 20 chilometri di marcia ai Mondiali

«Sono soddisfatta. Sono riuscita a fare la gara in progressione come volevo, vicina al mio record personale. E soprattutto, come speravo, ho migliorato il quattordicesimo posto dell’Olimpiade di Londra».
Sono state queste le parole della lariana Eleonora Anna Giorgi al termine della gara di marcia di 20 chilometri ai Campionati del mondo di Mosca. Prova andata in scena ieri mattina.
La cabiatese ha infatti chiuso in un’ottima decima posizione dopo una bella gara in rimonta.
«È

stata una bella esperienza e ad ogni gara imparo qualcosa di utile – ha proseguito la Giorgi dopo il traguardo, meta che ha tagliato visibilmente soddisfatta – Ho cercato di stare nel gruppo nella prima parte, poi quando hanno cambiato ritmo non non riuscita a restare con le altre e sono rimasta sul mio passo. A 7 chilometri dall’arrivo ho allungato ed è partita la mia rimonta. Bene così».
L’obiettivo, come detto, era migliorare il 14° posto dell’Olimpiade di Londra e la lariana ha centrato il risultato: «Per questo posso ritenermi soddisfatta».
La gara ha fatto registrare anche la coraggiosa prova dell’azzurra Elisa Rigaudo che ha cercato l’allungo all’inizio per giocarsi tutte le sue carte con l’intenzione di arrivare alla medaglia. Alla fine, tuttavia, l’italiana è stata prima risucchiata dalle russe (le favorite della 20 chilometri di marcia) che si sono poi messe al collo sia l’oro sia l’argento. La medaglia più preziosa è andata a Elena Lashmanova (campionessa olimpica di Londra, in un’ora, 27’ e 8’’), dietro Anisya Kirdiapkyna (1h 27’ 11’’). Terzo posto alla cinese Hong Liu (1h 28’ 10’’).
La Giorgi ha terminato come detto in decima piazza con il tempo di un’ora, 30 minuti e un secondo.
L’ultima azzurra, Antonella Palmisano, ha concluso la prova in 13ª piazza (1h 30’ 50’’).
Ora l’attenzione degli appassionati lariani si sposta su venerdì quando sarà in pedana il rovellaschese Fabrizio Schembri, 32 anni, impegnato nel salto triplo. Per il nostro atleta è il terzo mondiale della carriera dopo Berlino (2009) e Daegu (2011).

M.Pv.

Nella foto:
Nelle foto di Fidal Colombo/Fidal, il rovellaschese Fabrizio Schembri in pedana venerdì

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.