«Giorgi, straordinarie capacità caratteriali»

Podebrady 2021 Italia con Giorgi

È tempo di bilanci e di riflessioni per i marciatori azzurri, reduci dagli Europei a squadre, disputati a Podebrady, nella Repubblica Ceca. L’Italia ha conquistato il successo con le sue formazioni nella “35 km” femminile e nella “50 km” maschile. La vittoria delle donne – neklla foto – è giunta con il secondo posto della comasca Eleonora Anna Giorgi, la terza piazza di Lidia Barcella e l’ottava di Federica Curiazzi.
Nel bilancio tricolore, anche l’affermazione di Antonella Palmisano nella “20 km”.
Una trasferta rilevante anche per valutare le condizioni generali dei protagonisti attesi dalle prossime Olimpiadi di Tokyo.
«Diciamo che non è stata la gara che avevo immaginato – ha detto alla fine la comasca Giorgi – Mi sono fatta prendere un po’ dallo sconforto per due cartellini rossi nei primi chilometri, ho rallentato per portare a termine la prova e onorare la maglia azzurra. È stato un risultato dolceamaro: il rovescio positivo della medaglia è stato l’oro a squadre. Sono contenta perché le ragazze sono state bravissime. Ora devo lavorare, lavorare, lavorare in vista delle Olimpiadi in Giappone».
Alla cabiatese sono comunque giunti gli elogi del direttore tecnico Antonio La Torre: «Giorgi ha avuto la forza di superare un comprensibile momento di smarrimento e ha portato a casa il risultato, in una gara che per l’ennesima volta ha esaltato le sue straordinarie capacità caratteriali».
«Siamo l’unica Nazione che ha fatto en plein e ha portato sul podio tutte le quattro squadre assolute – ha aggiunto La Torre – segnale che pur in una competizione dove ci si giocava qualcosa di importante anche a livello individuale, ha prevalso lo spirito di gruppo, accanto a un’enorme combattività. È una spedizione complessivamente positiva».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.