Giorgio Perlasca ricordato dal figlio Franco

IERI IN BIBLIOTECA
Trasferta comasca per Franco Perlasca, figlio di Giorgio, l’uomo che nella Seconda guerra mondiale a Budapest si finse console spagnolo e in questo modo firmò una lunga serie di “lettere diplomatiche” che salvarono la vita a migliaia di ebrei. Franco Perlasca, che risiede a Padova, era alla Biblioteca di Como per un incontro organizzato dall’Aged, Associazione giustizia e democrazia. Il tema era “Crimini contro

l’umanità e la convenzione per la prevenzione e la repressione del genocidio: la figura di Giorgio Perlasca”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.