Giornalismo, a Como la lezione di Luzzato Fegiz
Cultura e spettacoli, Spettacoli, Vip

Giornalismo, a Como la lezione di Luzzato Fegiz

«Ogni canzone è figlia di un luogo e un tempo. Ricordo quando Battisti e Mogol mi fecero ascoltare la lacca di Pensieri e parole, scritta nella brughiera della Brianza».
E poi Pavarotti che cerca di convincere Bono degli U2 a collaborare, cantandogli al telefono l’aria di Turandot. E «Candle in the wind – la canzone per Diana, ndr – intonata da Elton John a Villa Versace di Moltrasio sulla pianola dei figli di Donatella Versace, durante un party con i Take That».
Questi e tanti altri aneddoti ha raccontato ieri nel nostro auditorium Mario Luzzatto Fegiz, illustre critico musicale del “Corriere della Sera”, portando la testimonianza di una vita appassionata per la musica e poi di critico per la radio, la tv e per il quotidiano di via Solferino, sulla scia di un libro-confessione, Troppe zeta nel cognome edito da Hoepli. Nell’auditorium del “Corriere di Como” e di Espansione Tv è arrivato sulle note di Atom heart mother dei Pink Floyd (1970), uno dei suoi dischi preferiti.
La conferenza sul filo dei ricordi è stata anche una lezione di etica del giornalismo (ha ricordato commosso lo scoop che gli è costato l’amicizia con Gino Paoli), e anche un inno a un medium che si temeva a rischio di estinzione come la radio, in cui è stato pioniere come dj e giornalista al tempo delle emittenti libere: «Sembrava spacciata, ma è come la ferrovia, adesso viaggia sull’alta velocità grazie a Internet. E chi la ferma?». Un grande “Fegiz file”, il racconto che il libro dipana, per citare il titolo della sua fortunata rubrica radiofonica andata in onda per 12 anni, per la quale Fegiz non nasconde profonda nostalgia. Quel che non tramonta invece è la voglia di curiosare dietro le quinte del mondo della canzone, anche per interrogarsi su grandi misteri come il successo imperituro del festival di Sanremo: «È una bolla che prima o poi scoppierà, per eccesso di ascolti – ha detto Fegiz – Ma nessuno vuol farsi trovare con il cerino in mano».

23 Settembre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto