Giovane agli arresti domiciliari ferisce il padre a coltellate

I carabinieri della stazione di Turate © | I carabinieri della stazione di Turate

Sfiorata la tragedia ieri sera a Carbonate. In preda a un improvviso raptus, un ventenne originario del Senegal ha colpito ripetutamente alla testa il padre con un coltello da cucina. I carabinieri della stazioni dei carabinieri di Turate, Lomazzo e Mozzate, intervenuti immediatamente, lo hanno arrestato con l’accusa di tentato omicidio, evasione, furto, porto di armi od oggetti atti a offendere e resistenza a pubblico ufficiale.

Il ragazzo era agli arresti domiciliari e, dopo aver colpito il padre, è fuggito a piedi ed è entrato nel vicino supermercato. I militari, allertati dalla centrale operativa dopo la telefonata del padre, hanno individuato e bloccato il giovane lungo la strada. Aveva ancora addosso il coltello utilizzato per colpire in precedenza il genitore. La vittima, soccorsa dal 118, è stata trasportata all’ospedale di Tradate: le lesioni sono state giudicate guaribili in una decina di giorni. L’arrestato è stato portato al carcere del Bassone, in attesa della convalida del fermo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.