Giro di Lombardia, richiesta per l’8 agosto. «Como punta sulla sua struttura consolidata»

Podio Giro di Lombardia 2019

«Una data vicina nel tempo, ma la nostra è una macchina rodata, forse l’unica che in poco tempo può garantire il supporto ad un evento così importante, probabilmente il primo di caratura davvero mondiale che andrà in scena dopo il lungo stop per l’emergenza legata al Coronavirus». Parole condivise da Marco Galli, assessore allo Sport del Comune di Como, e da Paolo Frigerio, da anni il coordinatore del comitato locale per gli arrivi e le partenze del Giro di Lombardia di ciclismo.
Una classica che per quest’anno non potrà essere definita, come da tradizione, “delle foglie morte”. La gara ciclistica potrebbe infatti andare in scena sabato 8 agosto. La proposta è contenuta nella bozza di calendario che è stata diffusa da Federazione ciclistica italiana e Lega del ciclismo professionistico. L’idea è di compattare le più importanti gare tricolori in agosto che facciano da trampolino al Tour de France, che scatterà il 29 agosto.
L’Uci qualche giorno fa per il “Lombardia” aveva proposto il 31 ottobre. Rcs Sport, che cura la corsa, aveva chiesto di anticipare al 22 o 23 agosto. Alla fine è emersa questa nuova proposta, che è stata ufficialmente girata all’Unione ciclistica internazionale stessa.
La proposta di calendario di agosto propone per il 1° le Strade Bianche in Toscana, il 5 la Milano-Torino, l’8 il Giro di Lombardia, il 18 il Giro dell’Emilia, il 20 il Gran Piemonte, il 22 la Milano-Sanremo, il 28 il Trofeo Matteotti, il 29 il Memorial Marco Pantani e dal 31 agosto al 4 settembre la Settimana internazionale Coppi e Bartali.
Non soltanto. Per il 22 settembre, in omaggio alla regione che più ha patito per l’emergenza Coronavirus, è stato messo in calendario il Trofeo Lombardia, che riunirà Coppa Agostoni, Bernocchi e Tre Valli Varesine. Il successivo 3 ottobre scatterà poi il Giro d’Italia, che terminerà il 25, con le gare che assegneranno i titoli nazionali fissate dal 30 ottobre al 1° novembre in Veneto.
Il Giro di Lombardia dovrebbe prendere il via da Bergamo e terminare a Como, con il tradizionale passaggio da Ghisallo, Muro di Sormano, Civiglio e San Fermo della Battaglia. Partenza e arrivo sono comunque da definire, anche se, a poco più di due mesi di distanza, questa sembrerebbe la soluzione più logica, ossia non andare a stravolgere ciò che è consolidato. Sicuramente bisognerà considerare la situazione dell’emergenza in quei giorni e nel periodo antecedente la corsa, un fattore da cui non si può prescindere.
Bergamo, purtroppo, ha avuto problematiche tragiche in questi mesi, ma è anche vero che per la città orobica ospitare una manifestazione così significativa potrebbe essere un segnale importante.
L’organizzatore locale, Giovanni Bettineschi, valuterà la situazione al momento dell’ufficializzazione della data e si muoverà in quel momento, in caso.
Como già da tempo ha dato la sua disponibilità ad ospitare l’arrivo anche se la data dell’8 agosto ha un po’ mischiato le carte rispetto alla prospettiva iniziale, quella del 31 ottobre.
«Noi ribadiamo la nostra disponibilità ad ospitare l’arrivo della manifestazione – dice Marco Galli – Mi conforta che al nostro fianco potremo avere Rcs Sport e lo staff consolidato di Paolo Frigerio. Dovremo capire quali saranno i protocolli e muoverci di conseguenza. Sicuramente molto ci sarà da fare rispetto alla gestione del pubblico e molto cambierà rispetto a quello che è stato visto negli anni passati. Ma allo stesso tempo è sicuramente bella l’idea di avere proprio da noi un così grande evento mondiale. Un bel segnale per il territorio».
«Noi siamo pronti – spiega dal canto suo Paolo Frigerio – C’è una squadra consolidata che comprende le persone operative, le istituzioni, le forze dell’ordine che ha mostrato di saper gestire al meglio manifestazioni di questa portata. Mi sento di dire con orgoglio che in tempi così stretti la nostra squadra potrà garantire tutti gli standard di qualità richiesti».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.