Giro di Lombardia senza pubblico. Orari, riassunto di divieti e limitazioni per la viabilità

Il trionfale arrivo di Vincenzo Nibali al Giro di Lombardia 2017 (foto Nassa)

“Il Lombardia” senza pubblico. L’indicazione è arrivata dalla Prefettura di Como ai sindaci dei paesi del territorio toccati dalla corsa ed è stata recepita dalle singole amministrazioni locali. Il tutto è stato rifinito mercoledì mattina nella riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. L’appello, dunque, è di seguire l’evento in televisione.
Limitazioni per i fans
Off limits per il pubblico la zona d’arrivo (previsto dopo le 18) in piazza Cavour con palco delle premiazioni non visibile e assenza di maxischermi; transenne con presidi delle forze dell’ordine sia sul Colle del Ghisallo (passaggio fra 16.30 e 17) che sul Muro di Sormano (transito tra le 17 e le 17.30), che pure non saranno accessibili agli appassionati. Indicazioni che valgono per questi, che sono i punti solitamente più gettonati, e per tutto il tracciato della “classica-monumento”.
Una situazione particolare, legata all’emergenza sanitaria per il Coronavirus: per i tifosi di ciclismo, in questo 2020 particolare sotto ogni punto di vista, la gara dovrà per forza di cose essere seguita attraverso la televisione.
Ulteriori decisioni per evitare assembramenti: nella zona dell’arrivo dalle 15 saranno istituiti sensi unici pedonali ai lati della strada con divieto di sostare. I percorsi sono stati studiati in modo da garantire l’accesso alla biglietteria della navigazione e ai battelli, che dalle 17.30 fino al termine della manifestazione arriveranno e partiranno da viale Geno, a Sant’Agostino e in piazza De Gasperi. Il consiglio è di fare il biglietto online.
Per ragioni di sicurezza non si potrà accedere anche nella zona attorno allo stadio Sinigaglia, riservata ai pullman dei team che prenderanno parte alla corsa ciclistica.
Per gli automobilisti
Le determinazioni sopra elencate sono legate all’emergenza Coronavirus, e vanno ad aggiungersi a quelle consuete che riguardano la viabilità.
Sul percorso le strade saranno chiuse circa 50 minuti prima del passaggio della competizione. Sulla strada Lariana – passaggio tra le 17.15 e le 17.48, a seconda della media tenuta dai corridori – tra Nesso e Como il blocco, per esigente logistiche, sarà lievemente più lungo.
In città l’ordinanza di chiusura di determinati punti è ovviamente più articolata e parte dalle indicazioni legate alle fasi preliminari della corsa.
Fino alle 23.59 di sabato è in vigore il divieto di sosta in piazza Cavour che sarà invece disponibile per i mezzi dell’organizzazione dell’evento. Un provvedimento poi esteso per tutta la giornata di sabato nelle vicine vie Fontana, Cairoli, Florio da Bontà.
Idem fino al termine della manifestazione nella zona dello stadio: largo Borgonovo, viale Vittorio Veneto, viale Puecher, via Sinigaglia e via Masia.
Divieto di sosta inoltre ai Giardini Maggiolini, via Bertinelli (area davanti al palazzo comunale) e via Perti tutto il giorno di Ferragosto e sul Lungo Lario Trieste (zona davanti all’hotel Terminus) da mezzanotte alle ore 22, sempre di sabato.
Per quanto riguarda la gara in città, sabato dalle 12 fino al passaggio del veicolo di servizio “Fine corsa” divieto di sosta nelle piazze Amendola, V Alpini e nelle vie Torno, Manzoni, Tommaso Grossi (tratto da via Zezio a via Crispi), per Brunate (all’altezza del civico 11), Appiani, Ghislanzoni, Piave, della Pila (da via Rienza a via Zampiero), Ambrosoli, Giulio Cesare, Innocenzo XI (lato direzione via Lucini-piazzale San Rocchetto), Masia (entrambi i lati da via Recchi a via Rosselli), XXVII Maggio (entrambi i lati), Borgovico Nord.
Sempre sullo stesso percorso – che va da via Torno fino all’arrivo in piazza Cavour, passando dal Colle di Civiglio, da Camnago Volta, dalla Valfresca e da piazzale Santa Teresa – sabato il traffico sarà interrotto alle 16.30.
Ulteriori determinazioni in città: lungo via Fontana, via Cairoli, Lungo Lario Trento (corsia bus), piazza Cavour (corsia bus), Lungo Lario Trieste (corsia bus) fino alle ore 23.59 di sabato è istituito il divieto di transito per tutte le categorie di veicoli, compresi quelli che sono posti a servizio delle persone invalide.
Sabato sui Lungo Lario Trento e Trieste e in piazza Cavour dalle ore 2 alle 10 e dalle 15.30 alle 23 (oppure al termine delle operazioni di smontaggio delle attrezzature di gara) è istituito il divieto di transito per tutte le categorie di veicoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.