Giro d’Italia, positività all’ostarina: l’Unione ciclistica internazionale ferma il corridore lariano Matteo Spreafico

Matteo Spreafico 2020

La notizia è stata data in tarda serata dall’Unione ciclistica internazionale: il ciclista erbese Matteo Spreafico, attualmente in gara al Giro d’Italia, è stato sospeso in conformità alle regole antidoping.

Il comunicato specifica: “Il corridore è stato informato di due risultati analitici avversi all’Enobosarm (ostarine) in campioni prelevati durante il Giro d’Italia il 15 e il 16 ottobre”.

Spreafico, sottolinea sempre l’Uci, ha ovviamente la facoltà di richiedere ulteriori analisi. Ma fino a che non si avrà un giudizio definitivo, varrà la sospensione sancita dalla Federazione internazionale.

Il corridore lariano, 27 anni, era al suo primo Giro d’Italia e al momento dello stop forzato occupava il 127° posto in classifica generale. Questa mattina, dunque, non sarà al via della tappa Morbegno-Asti, che per un lungo tratto passerà proprio dalla Provincia di Como.

Nell’immagine sotto, il comunicato dell’Uci.





Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.