Girone addio: ecco come cambia la viabilità a Como

© | L'assessore Paolo Frisoni, considerato il "padre" del girone © | L’assessore Paolo Frisoni, considerato il “padre” del girone

Girone a doppio senso di marcia, ma soltanto su tre lati. Il lungolago resterà infatti percorribile in un verso solo, quello odierno, o verrà del tutto chiuso al transito delle auto (via libera invece ai bus). Nuove rotatorie verranno costruite per fluidificare il traffico: l’obiettivo è evitare che il dimezzamento delle attuali corsie nei viali Varese, Cattaneo e Battisti, necessario per fare spazio ai veicoli in marcia nel senso opposto, mandi in tilt la circolazione.
È la rivoluzione che attende gli automobilisti comaschi se dovesse tradursi in realtà il nuovo Piano del traffico messo a punto da Palazzo Cernezzi.
L’introduzione del doppio senso di marcia lungo le mura manderà in pensione l’attuale girone a senso unico, introdotto trent’anni fa, nel 1987, per favorire il trasporto pubblico attraverso un sistema di corsie preferenziali che permettesse ai bus di uscire dal centro evitando il traffico.
Secondo Palazzo Cernezzi l’assetto a senso unico del girone «ha fatto crescere negli anni i flussi veicolari che impegnano il lungolago, con sempre più evidente incompatibilità con la funzione urbana, commerciale e turistica che il lungolago è chiamato a svolgere». E poiché l’obiettivo principale è togliere le auto dal lungolago «in determinati giorni/ore programmate», come si legge nel Piano del traffico, per il Comune diventa fondamentale modificare il girone.
Ma vediamo come cambierebbe il flusso dei veicoli se il consiglio comunale approvasse, prima della scadenza del mandato della giunta Lucini, il Piano del traffico così come è stato proposto dal Comune. All’attuale verso di percorrenza verrebbe affiancato quello opposto (illustrato nell’infografica accanto) che inizierà in piazza del Popolo, dove è prevista una doppia rotatoria, percorrendo poi l’asse costituito dalle vie Bertinelli e Sauro, con obbligo di svolta a destra in viale Battisti. I veicoli non potranno cioè imboccare via Grossi, svoltando a sinistra, una volta giunti alla fine di viale Nazario Sauro.
Le auto dovranno proseguire lungo viale Battisti, con la possibilità, regolata da semafori, di uscire dal girone svoltando a sinistra verso via Auguadri o verso via Milano (per i soli veicoli autorizzati a farlo). Chi percorrerà l’anello nel nuovo senso di marcia dovrà poi proseguire la marcia in viale Cattaneo e in viale Varese; in alternativa, potrà uscire dal girone imboccando via Lucini.
Alla fine di viale Varese le auto potranno svoltare a sinistra immettendosi in via Gallio oppure procedere dritto lungo viale Cavallotti, fino all’intersezione con il lungolago. In quel punto la svolta a destra, verso piazza Cavour per intenderci, sarà vietata e i veicoli dovranno per forza girare a sinistra.
Per poter introdurre il doppio di senso di marcia, il Comune dovrà ridisegnare tre snodi fondamentali (piazza Matteotti, piazza del Popolo e l’intersezione tra il lungolago e viale Cavallotti) e dovrà rivedere anche le attuali corsie preferenziali dei bus.

Articoli correlati