Gli alberghi lariani sono più cari. È l’effetto di Expo sul turismo

Primavera all’insegna del rincaro per gli hotel italiani.
E Como è sul podio degli alberghi che fanno segnare il maggior rialzo dei prezzi.
Lo segnala il motore di ricerca Prontohotel.it (che lavora su un database di oltre 550mila strutture ricettive dello stivale), da cui risulta infatti che quasi tutte le mete turistiche del Belpaese hanno registrato, ad aprile, un aumento delle tariffe, prima di tutte Firenze con un +9% rispetto alla primavera precedente, seguita dall’immancabile Venezia, a +7%.
Effetto Expo, con la manifestazione milanese ormai alle porte, che ha fatto schizzare gli alberghi di Como e provincia a una media di 145 euro per notte in hotel, pari a un rialzo del 33% rispetto allo stesso periodo del 2014.
Uno scenario rosa per l’economia lariana, che vede nella ricettività turistica uno degli strumenti cardine per uscire dalla crisi.
Appena sotto la performance di Como si assesta quella di Milano, epicentro della kermesse mondiale che partirà il 1° maggio: pernottare in una struttura del capoluogo lombardo costa, infatti, in media 258 euro, il 32 per cento in più rispetto allo scorso anno.
La città della Madonnina in effetti domina la top ten delle città più care.
Forti i rincari dei prezzi alberghieri medi anche di Perugia (+23%), Pisa (+22%), Genova (+20%) e Torino (+18%).
In controtendenza, invece, la capitale, per la quale Prontohotel riporta una riduzione delle tariffe di 8 punti percentuali, passando dai 168 euro di aprile 2014 ai 155 euro di quest’anno.
Scendono a doppia cifra anche le percentuali di Siena (-17%) e Bologna (-21%).
Un dato che fa indubbiamente riflettere, quello comasco.
Anche alla luce dei primi dati ufficiosi sulle prenotazioni negli alberghi a quattro stelle della città di Como e della fascia costiera di pregio, che fanno registrare il tutto esaurito per il mese di giugno e comunque lasciano presagire una tendenza positiva per la bella stagione del turismo lariano.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.