Cronaca

Gli artisti: dia una mano anche il Comune. Nini Binda: occorre la certezza della pena

altLe opinioni in città
(f.bar.) Senso civico e animo artistico. Un connubio non solo ipotizzabile ma da ricercare con il massimo entusiasmo. L’opera del gruppo di volontari “X Como più pulita” ottiene consensi trasversali, dal mondo della politica a quello culturale. Lo spirito battagliero di Anna Ballerini e dei suoi volontari non lascia indifferente Pier Paolo Perretta, in arte Mr. Save The Wall. Noto – oltre che per i suoi lavori – anche per la scelta decisamente “artistica” di lasciare la sua comoda e avviata

carriera di manager per dedicarsi alla creazione – con la tecnica stencil, tipica di certi street artist – di lavori decisamente apprezzati.
«Non si può non lodare un gruppo di volontari che impiega tempo e fatica per abbellire Como – dice l’artista – Un giorno sono tornato a casa e sul portone ho trovato scritte e disegni che deturpavano tutto. Ma la vera sorpresa l’ho avuta il giorno seguente, quando ho visto tutto perfettamente ripulito dal gruppo di Anna. Non ci resta che applaudire e ovviamente dichiararci disposti a supportarli».
Con una necessaria precisazione: «Chiedo però al Comune o a chi ne ha facoltà spazi da dedicare agli artisti in regola».
«I volontari sono dei valorosi – dice il pittore comasco Fabrizio Musa – Chi si impegna nel recupero di angoli degradati di Como, soprattutto in maniera volontaria, merita tutto il nostro supporto. È altrettanto vero che, oltre all’opera di gruppi quali “X Como più pulita”, dovrebbe esserci una regia superiore con soggetti istituzionali quali il Comune».
Ovviamente Anna Ballerini è sempre alla ricerca anche di sostegno materiale. Non tanto di soldi quanto attrezzature – dalle vernici agli strumenti per ripulire – fondamentali in questa lotta. E in tal senso si mosse, nel maggio 2013, la Confcommercio Como, guidata da Giansilvio Primavesi, quando donò un’idropulitrice. «Aiutiamoli. Sono encomiabili in quel che fanno e non demordono. Lavorano gratuitamente e spesso nel loro tempo libero. Noi comunque ci siamo. Lo abbiamo dimostrato in passato e, se necessario, si potrebbe anche rifare. Certo è che anche loro dovrebbero magari pretendere un sostegno maggiore dal Comune. In fin dei conti compiono lavori che solitamente spetterebbero all’amministrazione», ha detto Primavesi. «Il vero problema è combattere l’inciviltà. Dei graffitari e di chi maltratta il bene comune – interviene Nini Binda, assessore della prima giunta Botta, da sempre sensibile su certi temi – E in entrambi i casi è necessaria la certezza della pena. Se così fosse – ad esempio come accade in Svizzera – non ci sarebbero difficoltà a trovare persone disposte a intervenire economicamente – dice Binda – Io stesso metterei a disposizione dei soldi».

Nella foto:
Pier Paolo Perretta
27 Mag 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto