Sport

Gli azzurri al comando. Comincia l’appello degli avversari per la B

altComo in testa con Real Vicenza e Bassano Il “borsino” delle papabili per la promozione
Azzurri primi in classifica alla pari con Bassano e Real Vicenza. Dopo l’ottavo turno di campionato la graduatoria del girone A di Lega Pro sorride agli azzurri, reduci dal 4-3 interno con la Pro Patria e attesi dalla trasferta di venerdì sera a Monza.
L’aria di alta classifica fa sempre bene ed è anche normale che la piazza cominci a cullare sogni di gloria – anche se in casa del Como si tende a minimizzare – e a chiedersi quali potrebbero essere gli interlocutori degli azzurri ricordando

che chi chiude al primo posto va in serie B, chi arriva dal secondo al quarto partecipa ai playoff.
Anche se attualmente è a metà classifica, gli addetti ai lavori continuano a ritenere il Novara la formazione favorita. Sia per le potenzialità societarie, sia perché è stata mantenuta l’intelaiatura della squadra che lo scorso anno ha giocato in serie B, con tanti elementi di spicco. Si attende solo il momento in cui i piemontesi ingraneranno la marcia.
Le due squadre che condividono il primato con il Como hanno un profilo simile. Bassano e Real Vicenza, oltre a essere entrambe vicentine, hanno alle spalle due patron appassionati e pronti a investire nel progetto. Il Bassano è di Renzo Rosso, il signor “Diesel”, il Real di Lino Diquigiovanni, già importante sponsor nel ciclismo, ora ben deciso a lanciare la sua squadra nell’olimpo del calcio.
Alle spalle delle tre capoclassifica c’è l’Arezzo, che è stato promosso d’ufficio e costruito in corsa. Bisognerà vedere se pagherà il fatto di non aver svolto la preparazione atletica.
Grandi potenzialità economiche per il Pavia, attualmente quinto, che è controllato da un gruppo imprenditoriale cinese pure disponibile a grandi investimenti. Alcuni già fatti, altri da fare a gennaio, eventualmente, se servissero per puntare in alto.
E il discorso di società con un buon potenziale economico riguarda anche tre formazioni che sono nella parte media e bassa della classifica (Alessandria, Venezia e Cremonese). Un fattore da non sottovalutare perché la disponibilità a spendere può comunque essere un fattore decisivo nel mercato di gennaio, che spesso sconvolge i valori dei campionati. E se la classifica rimane compatta il salto di qualità può pagare in termini di risultati e di posizione.
Da capire la situazione del Monza: la rosa è stata costruita con grandi ambizioni, ma dalla città brianzola arrivano voci di problemi societari, che potrebbero influire negativamente in prospettiva. Intanto la squadra è vicina alla zona playoff.
Non è partito benissimo ma anche l’Alto Adige-Sud Tirol ha importanti potenzialità: una buona rosa e una società solida sono fattori importanti.
E tra le possibili rivelazioni c’è la Torres, che però ha il limite di un rendimento alterno. Molto forte in casa, più abbordabile in trasferta. Ma intanto i sardi sono a due punti dai playoff e fino a prova contraria vanno tenuti in doverosa considerazione.

Massimo Moscardi

14 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto