“Gli innamorati” a Bellinzona

La rassegna

Il quarto appuntamento di “Chi è di scena”, la rassegna in abbonamento del cartellone del Teatro Sociale Bellinzona, propone per giovedì 13, venerdì 14 e sabato 15 febbraio, alle 20.45, lo spettacolo “Gli innamorati” di Carlo Goldoni, con Isa Barzizza, Micol Pambieri, Stefano Artissunch, Stefano De Bernardin, Laura Graziosi e Stefano Tosoni.
Per San Valentino una delle opere più fortunate di Goldoni, cavallo di battaglia di molte grandi attrici dell’800. La commedia, divertente

e romantica, racconta dell’amore tormentato di due giovani fra corteggiamento e seduzione: Eugenia, appartenente alla nobiltà decaduta, e Fulgenzio, rappresentante della ricca borghesia. Ostacolo alla loro felicità non i soliti impedimenti esterni ma l’orgoglio e la gelosia dell’uno per l’altra.
L’opera, ricca di situazioni comiche tipiche della commedia dell’arte, non solo dispensa critiche alla società ma approfondisce le sfumature psicologiche che ruotano intorno all’inquietudine d’amore dei due protagonisti per poi addentrarsi nel particolare delle trepidazioni delle donne sul rapporto amoroso. Il ritratto delle famiglie di Eugenia e Fulgenzio è molto simile a quello tipico della società attuale che, con la sua ipocrisia, il suo desiderio di apparire e il suo consumismo patologico, fa ritenere che si stia parlando proprio di noi. Il genio di Goldoni rende possibile l’attualità e il realismo del testo.
La messa in scena procede con il ritmo della preparazione di una festa e lo spettacolo sviluppa una narrazione letteraria e suggestiva dove tutti sono protagonisti con le loro reazioni di fronte al sentimento unico e immortale dell’amore.
I biglietti per questo appuntamento di “Chi è di scena” sono in vendita da Bellinzona Turismo (telefono 004191.8254818) e sul sito www.ticketcorner.ch.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.