Gli occhi della Procura sul Lido di Villa Olmo
Cronaca

Gli occhi della Procura sul Lido di Villa Olmo

La Procura della Repubblica di Como (pubblico ministero Mariano Fadda) ha messo gli occhi sul bando di gara per la gestione del Lido di Villa Olmo, assegnato in un primo momento alla Sport Management spa, società poi dichiarata decaduta dalla concessione con una determina comunale del marzo 2018. Una vicenda contorta, che avrebbe posto al centro dell’attenzione – anche se al momento non ci sarebbero ipotesi di reato – tutte le procedure di gara, comprese quelle successive al cambio di rotta di Palazzo Cernezzi.
Storia portata alla luce da alcune interrogazioni fatte dal consigliere comunale Fulvio Anzaldo e dal suo capogruppo Alessandro Rapinese. Questi ultimi avevano chiesto spiegazioni al Comune sulle motivazioni che avevano portato alla decadenza dalla concessione la società veneta. Alla base della vicenda c’è infatti, secondo palazzo Cernezzi, una omessa dichiarazione dell’esistenza di un carico pendente che avrebbe portato «all’incapacità di contrarre con la Pubblica amministrazione». Condanna in primo grado che tuttavia in secondo grado si è trasformata in una sentenza di assoluzione letta dalla Corte d’Appello di Venezia il 3 aprile 2017. Per chi ha presentato l’interrogazione sulla decadenza della Sport Management, dunque, sarebbe inopportuna la scelta di dichiarare la decadenza anche per i ritardi che inevitabilmente si potrebbero creare sulla fruibilità del Lido da parte dei cittadini. E proprio le “battaglie” in aula tra l’amministrazione cittadina e i consiglieri Anzaldo e Rapinese avrebbero attirato l’attenzione della Procura cittadina, intenzionata a capire come stanno realmente le cose.
La guardia di finanza nei giorni scorsi si è così presentata negli uffici del Comune per acquisire tutti gli atti del bando di gara sul Lido di Villa Olmo.
Carte che ora verranno analizzate e valutate, anche se come detto non esisterebbero ipotesi di reato. L’unica cosa certa, al momento, è che con l’estate sempre più vicina l’apertura del Lido sembra tutt’altro che alle porte. I nodi da sciogliere, infatti, non sembrano pochi.

24 Aprile 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


UN COMMENTO SU QUESTO POST To “Gli occhi della Procura sul Lido di Villa Olmo”

  1. È bello vedere che la giunta di Cernobbio si preoccupi del proprio paese e del turismo. SONO BASITA DALL’ATTEGGIAMENTO del Comune di Como che non ha una presa di posizione netta per risolvere la situazione inerente L’UNICO LIDO COMUNALE ESISTENTE NEL PRIMO BACINO NEL LAGO PIÙ FAMOSO DEL MONDO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto