Gli spari di Perticato: la Cassazione annulla la condanna a 10 anni

perticato perinoIl fascicolo su Emanuele Perino, 24enne di Cabiate, torna così alla corte d’Appello di Milano. 

Tutto da rifare. La Corte di Cassazione ha annullato la sentenza di condanna a 10 anni di carcere per Emanuele Perino, 24enne di Cabiate che è accusato di aver sparato due colpi di arma da fuoco, il 10 gennaio 2009, contro Vincenzo Di Maso, padre della ragazza che l’aveva denunciato per presunte molestie. Per i giudici della Suprema Corte, che hanno rinviato il fascicolo a Milano ad un’altra sezione della corte d’Appello, non sarebbe stata motivata la decisione sull’aggravante dei futili e abbietti motivi per cui il giovane compì quel gesto.

Da qui la decisione di annullare tutto, come chiesto dalla difesa, ovvero dall’avvocato Luisa Bordeaux. In primo grado, a Como, Perino aveva rimediato 12 anni, che in Appello erano scesi a 10 con in aggiunta l’incompatibilità per il carcere. Da mesi infatti il giovane di Cabiate era ricoverato all’ospedale psichiatrico di Reggio Emilia, mentre ora si trova – a causa delle condizioni di salute – nel centro clinico di Opera. Sulla mente del 24enne sono state già compiute due perizie psichiatriche, una in primo e una in secondo grado: per entrambi l’imputato è «parzialmente incapace di intendere e di volere». (m.pv.)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.