Gorla (FdI): «Sugli arredi e sui tigli vogliamo chiarezza dalla giunta»

Tigli lungolago Como

Oggi la commissione consiliare II potrebbe riservare sorprese. Potrebbe infatti rappresentare un terreno scivoloso per la giunta Landriscina.
All’ordine del giorno la richiesta dei consiglieri Mario Gorla (Fratelli d’Italia), Gabriele Guarisco (Pd) e Guido Rovi (Civitas) per avere chiarimenti in merito «al progetto “arredi” del lungolago conseguente all’esecuzione dei lavori di realizzazione delle paratie e al lamentato abbattimento dei tigli». Un tema che sta facendo infuriare la polemica per la presunta assenza di piani definiti per arredare il nuovo lungolago a lavori terminati e per la questione dell’abbattimento di 13 tigli, entro la prossima estate, per fare posto all’avanzata del cantiere delle paratie. E la mancanza di notizie certe su un cantiere così importate – fatto denunciato nei giorni passati anche dal consigliere del Gruppo misto Ada Mantovani – potrebbe far alzare la temperatura, visti i malumori dei mesi passati all’interno della maggioranza tra le diverse forze politiche, che solo di recente pare abbiano raggiunto un patto di “non belligeranza” fino alle prossime elezioni. A parlare è Mario Gorla della maggioranza. «Si sono sentite troppe notizie e voci su questo delicatissimo progetto. Non voglio far polemica, si chiede solo che sia chiarita senza dubbi o tentennamenti la posizione ufficiale della giunta in materia», dice Gorla.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.