Graffiti sulle fiancate, sedili e tendine rotti. Danni per dodici milioni di euro all’anno

alt L’inciviltà quotidiana

(p.an.) Ogni anno gli atti di vandalismo sottraggono 12 milioni di euro al servizio ferroviario regionale: lo comunica in una nota Trenord dopo l’ennesimo episodio registrato alla stazione di Chiasso, con un convoglio danneggiato da mani ignote e quindi partito in ritardo.
I fondi sottratti per la riparazione delle carrozze equivalgono al valore di un treno Tsr (convogli di ultima generazione evoluzione del Taf) a 6 vagoni o a due Malpensa Express.
Soltanto nell’ultimo anno sono stati rimossi circa 395mila metri quadrati di graffiti dalle fiancate dei treni, una superficie pari a 23 volte

quella di piazza del Duomo di Milano. «Per pulirli, sono servite 66mila ore di lavoro, come dire 2.750 giorni o, se si preferisce, sette anni e mezzo – spiegano da Trenord – Sono stati sostituiti mille finestrini rotti o resi inutilizzabili per incisioni o graffiti, pari alla superficie di una piscina olimpionica. Sono stati impiegati 54mila metri quadrati di nuova stoffa per rivestire i 36mila sedili sgualciti, macchiati o resi altrimenti inagibili. Il rifacimento dei sedili vandalizzati ha richiesto oltre 5mila ore di lavoro».
E ancora, sono stati sottratti e reintegrati 8.600 martelletti frangivetro e 250 estintori. Sono state sostituite o sistemate 61mila tendine.
Mediamente i treni di Trenord subiscono due attacchi vandalici al giorno, con picchi di 5 o 6 nel weekend. Almeno una volta al giorno accade che i danni siano tali che un treno debba essere tolto dal servizio per i necessari interventi di riparazione.
A fine anno, tutto ciò significa 8.250 ore di treni costretti al fermo in deposito per riparare i danni degli atti vandalici. Soltanto questa voce vale poco meno di 4 milioni di euro l’anno. Un milione e 200mila euro l’anno è il valore della manodopera necessaria agli interventi di ripristino del decoro.

Nella foto:
Un treno coperto interamente dai graffiti. Una delle più comuni forme di vandalismo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.