Guerra di messaggi tra una coppia di ex amanti: donna assolta dall’accusa di molestie

tribinale como palazzo di giustizia

Una serie ininterrotta di messaggi e telefonate tra una donna e il suo amante finiscono in Tribunale a Como.
Sul banco degli imputati una 40enne che in nove mesi ha inviato quasi duemila messaggi all’uomo, classe 1967, suo ex datore di lavoro, che ha risposto contraccambiando con altri 674 messaggi e ha comunque accusato la ex di molestie.
La vicenda è finita in un’aula di Tribunale e la battaglia giudiziaria si è trascinata per quattro anni. La donna, difesa dagli avvocati Marcello Iantorno e Silvia Giampà, al termine di questo lungo braccio di ferro è stata assolta dall’accusa di molestie.
La storia tra i due ormai ex amanti si sarebbe interrotta quando la moglie dell’uomo ha scoperta la tresca, spingendo il marito non solo a interrompere la relazione ma anche il rapporto di lavoro con la donna, sua dipendente.
I legali della donna hanno evidenziato come, «i pur abbondanti 1.900 messaggi o telefonate erano per lo più motivati dal mancato pagamento degli arretrati da parte dell’uomo nonché datore di lavoro che aveva immediatamente smesso di pagare i circa 6mila euro di arretrati alla ex dipendente. La donna per 4 anni ha dovuto subire un ingiusto processo e dopo l’assoluzione ha finalmente viste riconosciute le sue ragioni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.