Guido Gieri: «Non siamo fortunati. Ma la ruota girerà dalla nostra parte»

1gieri3CALCIO – Il dirigente lariano parla dopo la bella prova del Como contro la capolista
«Sono ottimista perché la squadra è ben gestita e il gruppo è solido»

«Tra noi e l’Entella non ci sono dieci punti di differenza». Guido Gieri (nella foto), dirigente azzurro, uomo di spicco della S3C, la società che controlla il Calcio Como, non nasconde la sua soddisfazione. È vero, domenica non è arrivata una vittoria, ma i lariani hanno messo in seria difficoltà la capolista.
Uno 0-0 che sta stretto agli azzurri, che hanno avuto 7-8 occasioni nette per segnare (compresi un palo e una traversa). Un gol, a dire il vero, l’hanno anche trovato, ma è stato annullato per fuorigioco. Decisione giusta, come hanno dimostrato le immagini televisive.
Un quadro nel complesso positivo. L’unica nota stonata può

essere  la classifica, con i lariani che ora sono settimi, anche se a due soli punti dalla terza posizione.
«Sono contento – dice ancora Gieri – la squadra gioca bene, ben gestita da un allenatore che, almeno per noi, non è una sorpresa: sappiamo come lavora e motiva i ragazzi».
Proprio Gieri dopo la contestazione seguita alla gara con la Pro Patria difese a spada tratta, senza se e senza ma, mister Giovanni Colella. «Personalmente non ho mai avuto dubbi. Anche domenica scorsa contro l’Entella, parlavo con persone in tribuna che mi dicevano che questo Como gioca proprio bene, è bello da vedere. Poi ci è mancata un pizzico di fortuna. Ma sono sicuro che prima o poi raccoglieremo i frutti del lavoro: la ruota girerà dalla nostra parte».
L’obiettivo rimangono i playoff. «In questo momento siamo comunque nella zona in cui vogliamo essere in classifica – ammette Gieri – anche se non sarebbe male scalare qualche posizione. Poi alla, fine, negli spareggi, sono convinto che conterà soprattutto arrivare in buone condizioni. Conterà  la preparazione fisica».
«Io sono ottimista – dice il dirigente azzurro – anche perché c’è un gruppo solido, non soltanto sotto il profilo calcistico, ma anche morale. Contano prima di tutto le persone. A Capodanno, per fare un esempio vicino nel tempo, ci sono stati giocatori che hanno fatto il brindisi di mezzanotte e dopo qualche minuto sono andati a letto. Ma potrei raccontare tanti episodi come questo». Un gruppo che in questa sessione di mercato, che si è appena aperta, potrebbe perdere qualche elemento. «Non seguo direttamente il mercato – ammette Gieri – ma non nego che qualcuno che non è stato molto utilizzato abbia chiesto di essere ceduto per giocare con più continuità altrove».
Archiviata la partita con la Virtus Entella domenica prossima arriva un altro match tutt’altro che abbordabile. I lariani saranno ospiti del Vicenza, una delle formazioni più forti del campionato.
La serie di partite consecutive con risultato positivo è salita a quota otto e in terra veneta l’obiettivo sarà di apporre il nono tassello. Per chiudere, c’è comunque un precedente benaugurante, visto che nella gara di andata il Vicenza fu sconfitto per 2-0 allo stadio Sinigaglia. Sarà sicuramente un match tutto da vivere.
«Sappiamo che nulla sarà facile – conclude Guido Gieri – ma questo è un Como di carattere che, ne sono sicuro, saprà farsi valere anche in questa difficile trasferta».
Massimo Moscardi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.